FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Femminicidi, i nomi e le storie delle donne uccise quest'anno

Non si ferma la violenza nei confronti del genere femminile: il numero delle vittime continua a salire

Femminicidi, i nomi e le storie delle donne uccise quest'anno - foto 1
ansa

Nel 2023 sono state 118 le donne uccise, di cui 96 in ambito familiare o affettivo.

I dati del ministero dell'Interno dipingono il quadro di una tragica piaga sociale, che purtroppo continua a invadere i fatti di cronaca anche nel 2024. Per "femminicidi" in senso stretto si intendono tutti quei casi in cui un partner, ex o un altro soggetto hanno ucciso una donna per desiderio di possesso o incapacità di accettare una separazione. Uccise in un giorno qualunque, tra le mura domestiche o per strada, accoltellate o colpite al petto con pistole e fucili. Uccise perché alla ricerca della libertà da un rapporto violento e possessivo che di amore non ha nulla. Di seguito i nomi e le storie delle donne che hanno perso la vita quest'anno, vittime di femminicidio.

 

Femminicidi, i nomi e le storie delle donne uccise quest'anno - foto 2
Tgcom24

 

2 GENNAIO, SANT'ORESTE (ROMA)

 Il primo caso di femminicidio del 2024 è quello della 71enne Rosa D'Ascenzo, uccisa dal marito 73enne il quale ha simulato una caduta dalle scale dopo un malore. In realtà l'aveva colpita a morte utilizzando un utensile preso dalla cucina, forse una padella.

 

5 GENNAIO, NARO (AGRIGENTO)

 Il 5 gennaio due donne romene, la 56enne Maria Russ e la 58enne Delia Zarniscu, sono state trovate morte in due case poco distanti tra loro. Per il delitto è stato arrestato un 24enne loro connazionale, Omar Edgar Nedelcov. Una delle due è stata trovata carbonizzata. La 58enne è stata seviziata con una lametta e ferita alle gambe "al solo scopo di provocarne sofferenza".

 

11 GENNAIO, VALFLORIANA (TRENTO)

 Una donna di 38 anni madre di tre bambini, Ester Palmieri, è stata uccisa dal marito 46enne, Igor Moser, che poi si è tolto la vita, impiccandosi. Alla base della tragedia problemi coniugali: l'uomo, che non accettava la separazione, e al culmine dell'ennesimo litigio avrebbe deciso di mettere fine alla sua famiglia.

 

12 GENNAIO, TORINO - E' morta dopo due giorni di agonia la 65enne Elisa Scavone, accoltellata dal marito, Lorenzo Sofia, ex gommista di 70 anni, a Torino, nel quartiere Borgo Filadelfia. La donna è deceduta all'ospedale Molinette, dove era stata operata d'urgenza e le era stata asportata la milza. All'apice di una lite, il marito la aveva colpita con un coltello più volte all'addome e alla schiena. Una profonda ferita aveva raggiunto il diaframma e lo stomaco.

 

22 GENNAIO, AGROPOLI (SALERNO)

 Ad Agropoli, in provincia di Salerno, Annalisa Rizzo, 43 anni, è stata uccisa a coltellate dal marito Vincenzo Carnicelli, 63 anni, al culmine di una lite. L'uomo poi con la stessa arma si è tolto la vita. Nella casa c'era anche la figlia 13enne che non si è accorta della tragedia visto che dormiva.

 

11 FEBBRAIO, ALTAVILLA MILICIA (PALERMO)

 Ad Altavilla Milicia (Palermo), un fanatico religioso di 54 anni, Giovanni Barreca, ha ucciso la moglie Antonella Salamone e i due figli Emanuel e Kevin di 5 e 16 anni. Un'altra figlia di 17 anni è riuscita salvarsi. L'uomo, dopo il delitto, ha chiamato i carabinieri e si è fatto trovare a Casteldaccia dove è stato arrestato. 

 

13 FEBBRAIO, CISTERNA DI LATINA

 Due donne, madre e figlia, sono state uccise a Cisterna di Latina. Le vittime hanno 46 e 19 anni. Il duplice delitto è avvenuto nel popolare quartiere di San Valentino, dove viveva Desirée Mariottini, la ragazza stuprata e uccisa a San Lorenzo nel 2018. Il presunto assassino, un finanziere, si è costituito. Salva la ex fidanzata (il vero obiettivo dell'uomo), che si è nascosta in bagno fino all'arrivo delle forze dell'ordine.

 

26 FEBBRAIO, FORNACI DI BARGA (LUCCA)

 A Fornaci di Barga (Lucca) un 55enne, Vittorio Pescaglini, ha ucciso a coltellate la moglie 52enne, Maria Ferreira, e poi si è costituito andando a piedi alla vicina caserma carabinieri per confessare l'omicidio. Sembra che la coppia si stesse separando. L'omicidio è avvenuto in strada: l'uomo ha raggiunto la vittima in auto, è sceso e l'ha accoltellata. La donna era di origini sudamericane.

 

27 FEBBRAIO, BOVOLENTA (PADOVA)

 Una donna di 41 anni, Sara Buratin, è stata trovata uccisa a coltellate a Bovolenta (Padova). Il corpo è stato scoperto nel cortile dell'abitazione della madre della vittima. La vittima, che aveva una figlia di 15 anni, è stata colpita da numerose coltellate alla parte alta del corpo, non al volto. I vigili del fuoco hanno recuperato nel fiume Bacchiglione il cadavere del marito, Alberto Pittarello, 39 anni, operaio in uno stabilimento della zona. Il corpo era in un furgone. I due avevano una figlia quindicenne.

 

16 MARZO, TAURISANO (LECCE)

 Aneta Danecik, polacca, 50 anni, è stata uccisa dal marito Albano Galati, 57 anni, che l'ha accoltellata nel corso di un litigio nella loro abitazione. Durante l'aggressione è rimasta ferita anche una vicina di casa intervenuta in difesa della vittima.

 

17 MARZO, ROMA

 Un 36enne ha ucciso con una coltellata la moglie durante una lite in casa a Roma. Nell'appartamento c'era anche la figlia di 5 anni. L'uomo, dopo l'omicidio, è fuggito ma è stato rintracciato e fermato dalla polizia. La vittima è una cittadina cinese di 37 anni, Li Xuemei.

 

28 MARZO, COLOGNO AL SERIO (BERGAMO)

 Un uomo ha ucciso a coltellate la moglie a Cologno al Serio (Bergamo). L'omicidio è avvenuto nell'abitazione della coppia. La vittima, una 49enne, era di origine nigeriana, così come il coniuge. L'uomo è stato arrestato.

 

15 MAGGIO, PARMA - A Parma una donna è stata uccisa dal marito con un colpo di fucile. L'uomo, di 76 anni, si è poi autodenunciato chiamando la polizia ed è stato arrestato. 

 

16 MAGGIO, ANZOLA DELL'EMILIA (BOLOGNA)

 Una ex vigilessa di 33 anni, Sofia Stefani, è stata uccisa da un colpo alla testa. Lo sparo è partito dalla pistola di ordinanza di un collega, Giampiero Gualandi, ex comandante e attualmente in servizio nel corpo. Tra i due c'era una relazione sentimentale extraconiugale.

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali