SI INDAGA PER DUPLICE OMIDICIO

Giallo a Naro (Agrigento): due donne trovate morte, una è carbonizzata | Due sospetti in caserma, fermato un 24enne

L'altra donna è stata trovata cadavere in un lago di sangue. L'abitazione era stata messa a soqquadro e chi ha visto la scena parla di immagini agghiaccianti

05 Gen 2024 - 20:56
1 di 11
© Tgcom24 © Tgcom24 © Tgcom24 © Tgcom24

© Tgcom24

© Tgcom24

Due donne romene sono state trovate morte a Naro (Agrigento), in due case poco distanti tra loro. La Procura indaga per duplice omicidio e vilipendio di cadavere e un 24enne sempre romeno è stato fermato dopo non aver risposto al pm. Assieme a lui anche un altro uomo è stato condotto dai carabinieri in caserma per essere interrogato. Il corpo di una delle due vittime, la 57enne Maria Russ, è carbonizzato. A compiere la macabra scoperta sono stati i vigili del fuoco, intervenuti nella notte per un incendio. Poco dopo, in una via adiacente, è stata ritrovata morta la seconda donna, la 58enne Delia Zarniscu, riversa in un lago di sangue. L'abitazione era a soqquadro e chi ha visto la scena ha parlato di immagini agghiaccianti.

© Tgcom24

© Tgcom24

La chiamata al 118 sarebbe stata effettuata dallo stesso indagato dal telefono della vittima. Secondo gli inquirenti Delia Zarniscu è stata uccisa nella sua abitazione di via Vinci, dove probabilmente le due vittime e i loro assassini stavano festeggiando. Secondo il medico legale, tutto è avvenuto fra le 2:30 e le 3:30. Poi la ferocia si è accanita su Maria, al piano terra di vicolo Avenia, a 200 metri di distanza sempre nel quartiere di Sant'Erasmo dove vive la comunità romena di Naro. A dare l'allarme sono stati i vicini, vedendo le fiamme uscire dall'abitazione. I vigili del fuoco l'hanno trovata a terra sfigurata dalle ustioni.

Entrambe le vittime si conoscevano e avrebbero avuto le stesse frequentazioni. Zarniscu sarebbe sposata con un uomo di Naro, così come la figlia dell'altra vittima. Prima dell'omicidio di via Da Vinci, la donna sarebbe stata aggredita in strada.

Le testimonianze e le indagini

 Chi ha visto la scena parla di immagini agghiaccianti. "Ferocia inaudita", hanno commentato gli inquirenti. Scene di orrore e disperazione anche davanti all'abitazione di Maria Russ, la donna trovata carbonizzata: la figlia è stata allontanata dal luogo del delitto. Tutta l'area è stata isolata e interdetta alla circolazione per consentire i rilievi dei carabinieri del Ris arrivati da Messina. "Mio marito mi ha detto che mia madre era stata uccisa - ha detto la figlia Marcela Russ -. Io non sono riuscita a entrare, ho visto dalla finestra mia madre carbonizzata e mi sono sentita male. Non aveva litigato con nessuno, neanche sapevo che conoscesse l'altra donna uccisa". I carabinieri hanno acquisito le registrazioni di diversi sistemi di videosorveglianza nella zona dove sono state uccise due donne. Molti impianti, quelli del Comune di Naro, non funzionano. Ma sono invece attive, e coprirebbero le due aree, alcune telecamere private.

Il movente del duplice omicidio di Naro

 Il movente del duplice femminicidio è ancora tutto da decifrare. Forse a scatenare la furia omicida sono state questioni passionali. Il sindaco di Naro, Maria Grazia Brandara, ha confermato l'ambiente difficile in cui vivevano le due vittime. "Erano un po' sopra le righe, non le conoscevo personalmente, ma questo è quello che si dice in paese. I romeni sono tutti molto integrati con i naresi. Questo paese è la città dell'accoglienza, sono tantissime le comunità presenti a Naro, compresi minori extracomunitari non accompagnati".

Ti potrebbe interessare

Commenti (0)

Disclaimer
Inizia la discussione
0/300 caratteri