FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

"La chiusura alle 18 è inammissibile", gli chef stellati contro il Dpcm del governo

A guidare la "protesta delle padelle" più famose dʼItalia, ci sono volti noti (in cucina e al pubblico) come Antonino Cannavacciuolo, Davide Oldani, Max Mascia e Ciccio Sultano

Chef Borraccino intervista
ufficio-stampa

"Noi rispetteremo le regole, naturalmente, ma così diventa davvero difficile per tutti: farci chiudere alle 18 è inammissibile", Non usano mezzi termini gli chef stellati, uniti in una protesta comune contro il dpcm appena firmato da Giuseppe Conte. Da Massimo Bottura ad Antonino Cannavacciuolo, da Max Mascia a Davide Oldani, da Andrea Berton a Ciccio Sultano e Cristina Bowerman, i titolari di alcuni dei più prestigiosi tempi della cucina Italia, incrociano le padelle.

I motivi della protesta - La protesta parte dalle cucine e si scaglia contro le nuove misure adottate dal governo, che impongono le chiusure dei locali alle 18. "Ci penalizzano per negligenze altrui - rincara la dose un altro big dei fornelli come Massimo Bottura, titolare dell'Osteria Francescana di Modena. "I ristoratori che hanno rispettato le regole avrebbero il diritto di lavorare" - gli fa eco Max Mascia, chef del ristorante San Domenico di Imola e presidente della Nazionale Italiana Chef.  "Non contesterei mai alcuna normativa che sia a tutela della salute pubblica ma quello che contesto è l’incapacità del nostro governo di prevedere una seconda ondata" - spiega Cristina Bowerman, responsabile dell'Hostaria di Roma.

 

La protesta che "unisce" l'Italia - Una protesta che non conosce latitudini. "Sono senza parole – scrive su Instagram Ciccio Sultano, del ristorante Duomo di Ragusa- se dobbiamo chiudere alle 18 tanto vale aprire solo per il pranzo o non aprire proprio". "Noi abbiamo rispettato le regole e le misure  di distanziamento – spiega Mascia - ma per i ristoranti la cena è fondamentale, si vive con le cene, quindi se ci dicono di chiudere alle 18 e come imporci di chiudere e basta". Stessa alzata di scudi al Nord, a cominciare da un altro "monumento" della cucina italiana, Antonino Cannavacciuolo del Villa Crespi, di Orta San Giulio (Novara): "Abbiamo fatto tutto per riaprire in sicurezza – ha detto in un’intervista esclusiva a Cook, il mensile di cucina del Corriere della Sera, l'Antonino nazionale – e ora rischiamo di dover chiudere un’altra volta. Per l’impegno che ci abbiamo messo non ce lo meritiamo". Non la pensa diversamente Davide Oldani: "La salute pubblica, quella dei clienti e dei nostri collaboratori ha la priorità - sottolinea ancora a Cook lo chef del D'O di Cornaredo (Milano) - noi seguiamo le regole ma questo è un colpo pesante per noi ristoratori". 

 

La protesta e l'appello - Una protesta al pepe verde che sfocia in un appello di tanti ristoratori d'Italia: non si può chiudere e basta -dicono dalle cucine - se non ci permettono di lavorare, ci devono aiutare. Un appello ribadito anche da Max Mascia, nell'intervista al Corriere: "Ci sono tanti ristoratori che hanno investito, anche tanto, e che rischiano di fallire. Soprattutto tanti giovani che hanno iniziato da poco e che rischiano di non farcela. Insomma, per molti locali, le misure restrittive di questo nuovo dpcm, potrebbero rappresentare un macigno insormontabile, forse una vera pietra tombale

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali