FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Caos a Torino, Appendino: "Pronti ad assumerci le nostre responsabilità"

Il sindaco della città piemontese: "Provo ancora rabbia per quanto accaduto, ma lavoriamo con determinazione per garantire la sicurezza per i prossimi eventi"

Caos a Torino, Appendino: "Pronti ad assumerci le nostre responsabilità"

"E' evidente che qualcosa non ha funzionato. Come amministrazione siamo pronti ad assumerci le eventuali responsabilità che dovessero emergere dall'inchiesta della magistratura". Lo ha detto il sindaco di Torino, Chiara Appendino, parlando del caos verificatosi in piazza San Carlo durante la finale di Champions League. "Provo ancora rabbia per l'accaduto, ma lavoriamo con determinazione per garantire la sicurezza per i prossimi eventi".

Fassino: colpa Appendino aver sottovalutato i rischi - "Credo che la responsabilità della Appendino e della sua Giunta sia quella di aver assolutamente sottovalutato l'enorme rischio a cui era esposto quell'evento e le giustificazioni addotte sono ancor meno convincenti". Così Piero Fassino a Tgcom24 sui fatti di piazza San Carlo. "Dal 2015 - aggiunge l'ex sindaco - sono avvenuti eventi che hanno alzato il sentimento di inquietudine e paura dei cittadini e dunque, se si alza il rischio, bisogna alzare il livello di prevenzione, cosa che non è stata fatta".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali