FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Finale Champions, panico a Torino tra tifosi Juve a Piazza San Carlo: 1.500 feriti, tre gravi

Un bimbo in fin di vita, grave una donna. Lʼincidente ha fatto esplodere la polemica sulla sicurezza e sulle vie di fuga

L'improvviso fuggi fuggi da piazza San Carlo, a Torino, dove la folla assisteva alla finale di Champions, ha provocato una vera e propria tragedia: 1.527 persone ferite, 3 gravi, schiacciate dall'ondata in fuga. A scatenare la psicosi da attentato terroristico sarebbe stato un ragazzo a torso nudo con uno zainetto sulle spalle che ha alzato le braccia in una posizione che evoca quella di un kamikaze. La Procura ha aperto un'inchiesta per procurato allarme.

Le maggiori preoccupazioni sono per tre persone ricoverate in codice rosso, tra cui un bambino all'ospedale infantile Regina Margherita. Quasi tutti i feriti hanno contusioni o tagli che si sono procurati cadendo per terra nella ressa. L'incidente ha fatto esplodere la polemica sulla sicurezza e sulle vie di fuga.

Una donna e un bimbo in prognosi riservata - Una donna è in prognosi riservata nell'ospedale Molinette per le ferite riportate nella calca. La donna è stata intubata: ha un trauma toracico per lesioni da schiacciamento.

La procura apre indagini: "Prima di ipotizzare reati, è necessario ricostruire i fatti" - La procura ha avviato un'indagine per far luce sulle cause e sulle responsabilità di quanto accaduto, ma ancora non è stato ipotizzato alcun reato, dato che, come spiegato dai pm, è necessario prima ricostruire la dinamica dei fatti. Da alcuni video circolanti sui social, si vedono i tifosi della Juve mentre si allontano in fretta da un giovane (al momento non identificato) con lo zaino sulle spalle. Da lì il panico e il fuggi-fuggi generale. I filmati sono al vaglio della polizia. Tra le ipotesi, si era parlato anche del crollo di una ringhiera e dello scoppio di un petardo.

Agnelli: solidarietà ai feriti di Torino - "Ho saputo che a Torino ci sono stati incidenti nella piazza di Torino, non ho informazioni precise sulla dinamica, ma vorrei esprimere la mia solidarietà a chi è rimasto ferito": lo ha detto da Cardiff il presidente della Juventus, Andrea Agnelli, a Mediaset Premium. Informato delle prime ricostruzioni, Agnelli ha "inviato un abbraccio" alle persone coinvolte.

Torino, panico a piazza San Carlo

Attorno alle 23, piazza San Carlo si era completamente svuotata, mentre le sirene continuavano a far sentire il loro suono, e la polizia cercava di capire. La questura ha subito cominciato ad esaminare i filmati delle telecamere di sicurezza presenti nella zona. Ed emerso che l'origine del caos era una ringhiera crollata, sotto il peso delle persone.

Champions League, panico a Torino: le scarpe perse dai tifosi della Juve in fuga

In piazza San Carlo, a Torino, restano moltissime scarpe perse dai tifosi della Juventus dopo il panico che ha scatenato un fuggi-fuggi generale. La Città di Torino comunica che tutti gli oggetti di valore, o documenti, rinvenuti nella serata di ieri, in piazza San Carlo, e recuperati, potrebbero trovarsi: presso il Commissario Centro della Polizia di Stato, via Giuseppe Verdi 11, tel. 011 8182011; presso il Nucleo Mobile della Polizia Municipale Torino, via Bologna 74, tel. 01101126267; presso l'Ufficio Oggetti Rinvenuti della Città di Torino, via Meucci 4, tel. 01101130753 Gli interessati possono contattare da lunedì gli uffici sopra riportati.

leggi tutto

Testimone: "Sembrava l'Heysel" - "Sono sconvolto, sembrava l'Hysel": a dirlo è un anziano tifoso della Juventus, i capelli grigi, mentre si allontana in lacrime dal centro di Torino ancora sotto sopra per le scene di panico che si sono scatenate tra i tifosi. "Sembrava l'Heysel, io c'ero", le poche parole che pronuncia prima di voltarsi e andare via.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali