FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Negazionisti del Covid, in un bar cagliaritano in 100 senza mascherina: carabinieri aggrediti con motosega

Fioccano controlli e multe in tutta Italia. Feste non autorizzate e locali senza presidi igienici: maxi controlli delle forze dell'ordine 

Massiccio impiego dei carabinieri per rispetto norme anti Covid

Cento persone accalcate fuori e dentro un bar, senza mascherine né distanziamento. All'arrivo dei carabinieri, uno di loro ha imbracciato una motosega e li ha minacciati. E' successo a Villamar, nel Cagliaritano. Multato il 43enne titolare del bar, che nulla ha fatto per evitare l'assembramento. Fra polemiche e proteste, un 40enne agricoltore del posto ha imbracciato una motosega presa dal bagagliaio della sua auto e l'ha accesa brandendola verso l'alto. I militari lo hanno poi "disarmato" e denunciato.
 

Ma non solo in Sardegna. In quasi tutta Italia vengono segnalate situazioni di non rispetto delle norme anti Covid che vengono punite con multe da parte delle forze dell'ordine, le quali invitano la popolazione a denunciare episodi simili.

 

 

Festa clandestina con 40 invitati in provincia di Varese - Una festa di compleanno clandestina, in piena zona rossa, con una quarantina di persone tra invitati e personale di sala. Lo ha documentato Striscia la notizia nella notte tra sabato 20 e domenica 21 marzo in un ristorante di Brebbia, in provincia di Varese, dove le telecamere hanno ripreso assembramenti e persone senza mascherina sedute tranquillamente per cenare o al bancone del bar per un aperitivo.

 

Viareggio: bar servono aperitivi in zona rossa, 5 locali sanzionati - La città di Viareggio, in provincia di Lucca, è zona rossa da 10 giorni. Eppure, solo nella giornata di sabato, sono stati 5 i bar sanzionati a Viareggio dalla polizia municipale che ha trovato clienti a prendere un aperitivo nei locali, in totale mancanza di osservanza di ogni divieto. Multati tre bar, tra il centro di Viareggio e il quartiere Ex Campo d'Aviazione. Incuranti delle disposizioni i gestori servivano dolci e caffé al banco, oppure aperitivi nei tavolini all'esterno. Altri due locali sono stati multati perche' vendevano articoli non consentiti in questa fase di restrizioni anti-contagio.

 

 

Torino, mancano gel e cartelli norme: chiusa pizzeria - Ancora sanzioni e chiusure per i locali che non rispettano le norme anti Covid a Torino. In un bar di via Castelgomberto, la polizia ha multato di 400 euro la proprietaria per le violazioni e un suo parente, che si trovava all'interno del locale, perché si è rifiutato di indossare la mascherina nonostante l'invito degli agenti. In una pizzeria di corso Lepanto non c'era il gel per disinfettare le mani e mancava all'ingresso il cartello indicante i protocolli e le linee guida contenute nel Dpcm Per la pizzeria e' stata disposta la chiusura provvisoria di 5 giorni con la sanzione di 800 euro. 

 

Dal coiffeur nonostante la zona rossa, multe a Napoli - Clienti dal parrucchiere nonostante la chiusura per "zona rossa". E' quanto ha scoperto la polizia sabato pomeriggio, nel quartiere di San Giovanni  Teduccio, a Napoli. Gli agenti li hanno individuati, in corso Protopisani, in seguito aduna segnalazione. Giunti sul posto, hanno notato le serrande abbassate ma hanno udito un vociare dall'interno  e, una volta entrati, hanno accertato che l'esercizio commerciale era in attivita'. Il titolare e due clienti sono stati sanzionati per inottemperanza alle misure anti Covid-19. Sempre sabato gli agenti del Commissariato San Ferdinando, i militari dell'Arma dei Carabinieri e del Comando Provinciale della Guardia di Finanza, hanno messo in atto controlli  nella zona dei "baretti", in piazza Plebiscito e via Partenope: hanno identificato 150 persone sanzionandone sei poiché prive della mascherina. 

 

Giocano a carte in b&b, multati da polizia a Napoli - Giocavano a carte privi della mascherina nella stanza di un b&b: sono stati multati per
violazione delle norme anticovid dagli agenti del Commissariato Decumani, intervenuti in via Depretis per una segnalazione di una festa in corso all'interno della struttura. I quattro sono stati sanzionati perche' trovati fuori dal proprio domicilio senza giustificato motivo e per mancato utilizzo del dispositivo di protezione individuale. 

 

Blitz della municipale a evento Expo Catania, multe - Cinque pattuglie della polizia municipale sono intervenute in uno spazio attiguo al centro Ulisse, a Catania, dove da era in corso l'Expo della pubblicità, evento indirizzato a operatori del settore e ai loro clienti,  in violazione della normativa anti Covid-19. Durante il sopralluogo gli agenti hanno multato il presidente dell'Expo e ad altri 28 partecipanti, alcuni dei quali provenienti da fuori Sicilia. I visitatori, un centinaio circa, si sono allontanati. Gli agenti stanno verificando se il presidente dell'Expo nel
comunicare alla Questura una semplice riunione di lavoro abbia violato norme penali. Il proprietario dei locali sarà convocato
al comando municipale per la notifica della sanzione del verbale di chiusura per 5 giorni della struttura. 

 

Manifestazione "no-mask" a Cesenatico, sindaco chiude parco - Circa 50 persone sono state allontanate dai carabinieri e dai vigili urbani a Cesenatico, dopo che nel, parco di Levante, avevano organizzato una specie di manifestazione 'no-mask'. Un'iniziativa organizzata attraverso il tam-tam, definita dagli organizzatori un "pic-nic", da tenersi senza mascherina e al di fuori del rispetto di ogni norma. Il sindaco di Cesenatico Matteo Gozzoli ha deciso così di chiudere il parco. 

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali