FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Emergenza coronavirus, chi "passeggia" e mente sull'autocertificazione rischia fino a 12 anni di carcere

Il ministro Lamorgese invita i prefetti e il capo della polizia ad essere più rigorosi nei controlli. E nei prossimi giorni le norme potrebbero inasprirsi

Gente in strada a Milano: tra anziani, corridori e irriducibili della passeggiata

A Milano le chiusure imposte dall'emergenza coronavirus vengono in gran parte rispettate. Ma sono ancora troppi in strada, come denuncia lo stesso sindaco Giuseppe Sala: "Ieri ancora in tanti erano in giro e vi segnalo che molti cittadini mi scrivevano lamentandosi. Ora, non è il caso di mettersi gli uni contro gli altri, ma i comportamenti devono essere uniformi". Nel primo weekend di serrata totale sono stati diversi i casi di gente in strada: c'erano quelli della "passeggiata" non solitaria, gli anziani che forse spinti dalla solitudine vanno a cercarsi il timido sole sulla panchina e l'esercito (ancora consentito dalle regole) di corridori.

Il ministro dell'Interno ha dato un giro di vite: troppe persone in strada nonostante il divieto emanato con l'emergenza coronavirus, ora le forze dell'ordine devono sanzionare di più. E le norme diventano ancora più pesanti visto che col nuovo modello di autocertificazione si deve dichiarare di non essere malati e/o in quarantena. Chi mente potrebbe essere denunciato per reato contro la salute pubblica e rischiare fino a 12 anni di carcere.

SEGUI IN TEMPO REALE LE NOTIZIE SULL'EMERGENZA CORONAVIRUS

 

"Siamo pronti a nuove scelte coraggiose per fermare il virus", aveva detto il ministro Lamorgese alcuni giorni fa. E queste scelte potrebbero comprendere sanzioni più pesanti per i troppi passeggiatori, corridori e amici dei cani che si trovano in giro per le strade italiane nonostante il decreto che invita le persone a rimanere in casa. L'emergenza coronavirus non è stata compresa, evidentemente, da tutti. I governatori delle Regioni più colpite denunciano da giorni che la gente in giro è ancora tanta. In Lombardia, analizzando il dato dei cellulari, si è visto che almeno il 40% degli abitanti è ancora in movimento.

 

Ecco perché è stata emanata una nuova autocertificazione, il documento che serve per poter dichiarare alle forze dell'ordine il motivo "urgente" per il quale ci si trova in strada. Nel nuovo modello è presente la voce in cui la persona fermata deve dichiarare di "non essere in quarantena". Questa dicitura implica che, se fosse una dichiarazione fasulla, il compilante rischierebbe una denuncia per reato contro la salute pubblica e rischierebbe fino a 12 anni di galera. 

 

Coronavirus, a Milano montagnetta di San Siro e Martesana affollati nonostante i divieti

 

Il tempo dell'indulgenza è dunque finito. Lamorgese ha inviato nuove direttive ai prefetti e al capo della polizia, Franco Gabrielli. Bisogna fare più controlli e soprattutto emanare più sanzioni. Già lunedì scorso a fronte di 170mila controlli erano state emanate 8mila sanzioni. A questi si aggiungono i 97mila esercizi commerciali controllati con 217 denunce e 22 sospensioni di licenza. E non finisce qui, nei prossimi giorni le regole potrebbero subire un nuovo giro di vite.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali