FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Covid: Lombardia e altre cinque Regioni passano in arancione, Sardegna rossa | Usa, Pfizer chiede l'ok al vaccino su 12-15enni

Il commissario Figliuolo: "Il richiamo di AstraZeneca è sicuro, giovedì abbiamo raggiunto il record di 299mila dosi somministrate"

Da lunedì l'Italia sarà meno rossa: passano in arancione Calabria, Emilia-Romagna, Friuli-Venezia Giulia, Lombardia, Piemonte e Toscana. La Sardegna passa invece in zona rossa. Sul fronte vaccini, il commissario per l'emergenza Figliuolo rassicura: "Il richiamo di AstraZeneca è sicuro, giovedì abbiamo raggiunto il record di 299mila dosi somministrate". Intanto Pfizer ha chiesto negli Usa l'autorizzazione alla Fda per usare il proprio vaccino anche sui ragazzi tra i 12 e 15 anni.

Il presidente dell'Istituto Superiore di Sanità, Silvio Brusaferro: "E' importante procedere verso lo scenario di riaperture che tutti auspichiamo ma con grande cautela e flessibilità".

 

Coronavirus, proseguono le vaccinazioni in Italia

 

Con la Sardegna sono quattro le Regioni in rosso, mentre il Paese comincia a vedere la possibile ripartenza. "Le chiusure e le aree rosse - conferma il ministro della Salute - stanno portando i primi risultati, ma il contesto è ancora molto complicato e dobbiamo essere molto prudenti".

 

Italia, cambiano i colori per molte Regioni

 

Le Regioni in zona rossa - Restano in zona rossa 11,4 milioni di italiani: quelli che vivono in Campania, Puglia, Valle d'Aosta e Sardegna. Quest'ultima, che un mese fa era stata la prima Regione d'Italia a sperimentare la zona bianca e ad aprire bar e ristoranti anche la sera, registra l'Rt più alto del Paese, a 1,43 nel limite inferiore. Anche la Valle d'Aosta rimane in rosso per l'Rt a 1,25, mentre per la Puglia è l'alta incidenza dei casi - 258 ogni 100mila abitanti - a determinare il lockdown. Le chiusure rimangono però anche all'interno delle Regioni che hanno cambiato colore, sempre per via dell'incidenza sopra i 250 casi: è il caso delle province di Palermo, Torino, Cuneo e anche di quelle di Firenze e Prato.

 

 

Regioni arancioni: cosa si può fare - Dal 12 aprile, dunque, Calabria, Lombardia, Emilia-Romagna, Friuli-Venezia Giulia, Piemonte e Toscana si andranno ad aggiungere ad Abruzzo, Basilicata, Lazio, Liguria, Marche, Molise, Sicilia, Umbria, Veneto, province di Bolzano e di Trento in zona arancione. Riapriranno i negozi e si potrà circolare all'interno del Comune di residenza. Sarà inoltre possibile, una sola volta al giorno, andare a trovare amici o parenti nel Comune in massimo due persone oltre ai minori di 14 anni conviventi.

 

Scuola - Novità anche per la scuola: torneranno in classe anche gli studenti della seconda e terza media mentre per quelli delle scuole superiori la didattica in presenza deve essere garantita almeno al 50%.

 

 

La curva scende, ma attenzione - Il dato principale che però emerge dal monitoraggio settimanale è quello di una curva che, finalmente, sembra cominciare a scendere. Gli esperti però avvertono: "il forte sovraccarico dei servizi ospedalieri, l'incidenza ancora troppo elevata e l'ampia diffusione di alcune varianti richiedono l'applicazione di ogni misura utile al contenimento del contagio". In altre parole serve ancora prudenza, ma si può cominciare a pensare al dopo.

 

 

"Il richiamo di AstraZeneca è sicuro" - "Non c'è alcun problema nel fare la seconda dose di AstraZeneca", afferma convinto il generale Francesco Figliuolo ai quasi due milioni e mezzo di italiani che hanno già ricevuto il vaccino anglo-svedese. E' una delle chiavi del proseguo della battaglia anti-Covid, dopo aver ricalibrato il controverso siero preferibilmente sugli over 60 e stigmatizzato con il premier Mario Draghi le iniquità della campagna (una dose su cinque è andata fuori dalle categorie prioritarie). Giovedì si è raggiunto il record delle 299mila dosi iniettate, verso la
quota delle 300mila fissata come tappa di passaggio per il mezzo milione al giorno, spostato a fine aprile.

 

Il richiamo di Pfizer - La novità di giornata sul fronte vaccini è però senza dubbio l'ipotesi di posticipare fino a 42 giorni il richiamo di Pfizer, il siero più disponibile per quantità e il più affidabile nell'immaginario collettivo. "E' possibile allungare l'intervallo da 21 a 42 giorni senza perdere l'efficacia della copertura. Questo consente di incrementare le persone che possono ricevere la prima dose", sottolinea Franco Locatelli, coordinatore del Cts.

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali