FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Scotch sui jeans strappati dell'alunna, è bufera su un liceo di Cosenza

La vicepreside ha ritenuto l'abbigliamento "indecoroso". La denuncia su Facebook arriva dal Fronte della Gioventù Comunista che ha raccolto altre segnalazioni e organizza un sit in di protesta

Tgcom24

Jeans strappati bocciati al liceo artistico-musicale Lucrezia della Valle di Cosenza.

La vicepreside, secondo la denuncia postata su Facebook dal Fronte della Gioventù Comunista, avrebbe imposto a un'allieva che li indossava di coprire gli strappi su cosce e gambe con del nastro da pacchi. Il motivo? I pantaloni sarebbero stati ritenuti "poco decorosi" e "inadeguati al contesto scolastico". Così la foto dei jeans con lo scotch fa il giro delle chat e dei social e scoppia la polemica.


"Vergognoso - afferma l'organizzazione politica - negare il diritto di ogni persona di esprimere se stessa anche con il suo modo di vestire. Pronti a mobilitarci: atti di questo genere, che si sarebbero ripetuti lì svariate volte, stando alle numerose segnalazioni raccolte, sono il frutto di ciò che sta diventando oggi la scuola pubblica". In programma, dunque, come anticipato a Tgcom24, un sit in di protesta davanti alla scuola, che non avrebbe preso ancora posizione sulla vicenda. "Si vuole solo far sgonfiare la cosa", l'accusa del Fronte della Gioventù Comunista.


 


"La competizione tra i vari istituti, sempre più simili ad aziende che hanno come loro capi i vari dirigenti scolastici, porta ognuno di essi - continua la denuncia social del Fronte della Gioventù Comunista di Cosenza, - a volere apparire all'esterno come 'scuola d'elite' con studenti perfetti, imponendo loro norme assurde come questa. Siamo pronti a mobilitarci al fianco degli studenti e delle studentesse affinché non si verifichino più episodi inaccettabili di questo tipo".


 



 


"L'abbigliamento di un* ragazz* - è la conclusione - non può essere determinato da un presunto 'Dress Code' della scuola, che in primis non è riportato in alcun documento legale, e che nega il diritto di ogni persona di esprimere sé stessa anche con il suo modo di vestire".



TI POTREBBE INTERESSARE

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali