FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Vittorio Emanuele di Savoia, aperta la camera ardente a Venaria Reale

Il feretro nella cappella di Sant'Uberto, alla Reggia di Venaria. A rendere omaggio al figlio dell'ultimo re d'Italia, il presidente del Senato La Russa

Il feretro a terra, davanti all'altare coperto da uno stendardo con lo stemma reale, dietro il copricassa di fiori a sfondo blu e rosso con al centro una croce bianca, e, ai lati, due composizioni di fiori, una di Emanuele Filiberto, Clotilde e le figlie Vittoria e Luisa, l'altra di Marina Doria.

Così nella cappella di Sant'Uberto, alla Reggia di Venaria (Torino), è stata allestita la camera ardente di Vittorio Emanuele di Savoia, morto a Ginevra il 3 febbraio. Diverse decine di persone stanno rendendo omaggio, anche un po' incuriosite dalla presenza della famiglia nobile. Seduti di fianco al feretro, il figlio di Vittorio Emanuele, Emanuele Filiberto, con accanto il cugino Serge di Jugoslavia con la sorella Elena e il marito Stanislas Fougeron. Alla camera ardente il presidente del Senato La Russa.

Vittorio Emanuele di Savoia, aperta la camera ardente a Venaria Reale - foto 1
Tgcom24

Emanuele Filiberto: saluto padre e maestro, commosso per messaggi

 "Era un padre, un amico, un maestro. E malgrado questo triste momento, le ultime tre settimane con lui sono state molto belle: era sereno e abbiamo parlato di tante cose. Anche i suoi amici sono venuti a trovarlo, ed è stato un momento giusto prima della sua partenza. Ha deciso lui di addormentarsi e di non svegliarsi più. La cosa che dà sollievo è il fatto che non ha sofferto". Così Emanuele Filiberto, parlando commosso con i giornalisti nel giorno del saluto al padre Vittorio Emanuele alla Camera ardente allestita nella Cappella di Sant'Uberto a Venaria Reale.

 

Fotogallery - Vittorio Emanuele, aperta la camera ardente a Torino

Fotogallery - Morto a Ginevra Vittorio Emanuele di Savoia

 

"Tutta questa pioggia, anche Torino piange - ha aggiunto. - Ringrazio tutti per essere venuti nonostante la pioggia. Torino è la città che amava e nella quale ha voluto riposare e credo che gli stia rendendo un bellissimo omaggio. Mi commuovono tutti i messaggi che sono arrivati, e vedere persone comuni che vengono qui con le lacrime agli occhi. Chi conosceva papà lo amava tanto, perché era una persona straordinaria, che era uguale con tutte le persone, dalle più umili alle più importanti".

 

Vittorio Emanuele di Savoia, il profilo

 

Riguardo alla visita alla Camera ardente del presidente del Senato Ignazio La Russa, ha commentato: "È stato uno dei primi a mandarmi un messaggio e so che ci teneva, come mi ha appena detto, per la storia d'Italia e per quello che i Savoia hanno rappresentato. È un gesto molto bello del quale lo ringrazio, e come lui tanti politici ed esponenti del governo che mi hanno mandato i loro messaggi".

 

 

La Russa alla camera ardente di Vittorio Emanuele: Savoia artefici dell'unità d'Italia

 Il presidente del Senato Ignazio La Russa è stato alla camera ardente di Vittorio Emanuele di Savoia. "Questa mia visita tra il privato e ufficiale è una via di mezzo motivata da due ragioni - ha dichiarato il presidente dopo un momento di raccoglimento di fronte al feretro. - Prima di tutto la mia amicizia ultra decennale con Filiberto, e quindi sentivo il dovere di essere vicino a un amico in questo momento, e poi anche un giudizio che non può essere frazionato che deve essere complessivo sulla casa Savoia a partire dai secoli scorsi e non può essere solo ombre o solo luci. Sono luci e ombre ma non dimentico che la casa Savoia è stata artefice dell'unità d'Italia". La Russa prima di lasciare la Cappella ha abbracciato Emanuele Filiberto e salutato i famigliari presenti, Maria Pia sorella di Vittorio Emanuele, Clotilde, Vittoria e Luisa, rispettivamente moglie e figlie di Emanuele Filiberto.

 

 

La vedova di Vittorio Emanuele di Savoia, Marina Doria, nella cappella di Sant'Uberto alla Reggia di Venaria Reale è stata accolta all'ingresso dal saluto d'onore delle Guardie del Pantheon. La principessa ha poi preso posto alla sinistra della bara, accanto al figlio Emanuele Filiberto, alla nuora Clotilde e alle nipoti Vittoria e Luisa. Poco dopo il suo arrivo, il cancelliere degli Ordini Dinastici di Casa Savoia, Johannes Niederhauser, ha deposto su un cuscino vicino al feretro il Collare d'Oro dell'Annunziata, simbolo dell'Ordine dinastico più alto della casata.

 

Morte Vittorio Emanuele, la dinastia dei Savoia

 

 

La principessa era l'ultimo membro di Casa Savoia che era atteso alla Reggia di Venaria. Due delle sorelle di Vittorio Emanuele, Maria Gabriella e Maria Beatrice, non sono presenti, perché bloccate rispettivamente in Svizzera e in Messico per motivi di salute. E' invece presente la sorella maggiore Maria Pia, con il figlio Serge di Jugoslavia. Accanto a Marina Doria ci sono anche alcune dame di compagnia e degli amici di famiglia.

TI POTREBBE INTERESSARE

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali