FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Venezia, la moglie muore per un tumore e i colleghi gli regalano 270 ore di ferie

Andrea Leoni, un 47enne veneto, autista di Veritas, aveva esaurito tutti i giorni liberi disponibili per assistere la compagna malata

Facebook

Un regalo inaspettato, nel segno della solidarietà e del dolore condiviso, e soprattutto molto di più di un dono materiale: 270 ore di ferie da dedicare ai figli, dopo la morte della moglie per una malattia incurabile.

A cederle ad Andrea Leoni, 47enne veneto, autista di Veritas, i suoi compagni di lavoro che hanno fatto una "colletta" diversa dal solito. Il pensiero - secondo quanto riporta la stampa locale - è arrivato a poche ore dalla morte della moglie, Chiara Batacchi, 47 anni, stroncata da un tumore, e permetterà all'uomo di occuparsi dei due ragazzi di 13 e 11 anni.

La voglia di vivere più forte del tumore al seno: 9 donne a nudo per raccontare la propria storia


La storia - 

Leoni aveva

speso tutti i suoi giorni di ferie

, permessi e congedi previsti,

per stare accanto alla moglie

e gestire l'intera famiglia. Ma dopo la tragedia rimane una vita da riorganizzare completamente in solitaria: i bimbi da portare a scuola e le incombenze della quotidianità. Un peso che i colleghi hanno compreso e hanno pensato di alleggerire, regalandogli la cosa più utile dopo un simile lutto: il tempo. La catena di solidarietà è partita subito, secondo una procedura già attuata da Veritas, la municipalizzata che si occupa in Veneto dei servizi idrici e ambientali. E, in poche ore, l'obiettivo è stato raggiunto. E le 270 ore donate corrispondono a circa una

trentina di giorni

in cui l'autista veneto verrà

comunque retribuito

.


 


La testimonianza di Andrea - "

So che alle 17 è stato aperto un canale Telegram - spiega Leoni - e la mattina del giorno dopo, alle 9, è già stato raggiunto il monte-ore necessario. Ognuno ha cercato di fare la propria parte". "Nella nostra famiglia era Chiara che si occupava sempre di loro - racconta l'autista -. Ho cercato di arrangiarmi ma è davvero dura. In questo periodo, quindi, potrò stare con loro, anche per capire come reagiscono alla mancanza della mamma".


TI POTREBBE INTERESSARE

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali