FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Torino, dove cʼera una bisca clandestina ora cʼè il primo bistrot gestito da ragazzi autistici: "Così escono dal loro guscio"

Il progetto della onlus "Autismo e Società", BiStrani, scommette su sei giovani. "Lavoratori onesti e affidabili, le aziende si preparino ad accoglierli", spiega a Tgcom24 il vicepresidente Massimo Aureli

E' una scommessa, "che deve sì far cassa per sopravvivere", ma che dal punto di vista terapeutico è già stata vinta. Scommesse, d'altronde, e gioco d'azzardo erano di casa tra quelle mura che un tempo ospitavano una bisca clandestina e che oggi sanno di caffè e tramezzini. In quegli stessi locali, infatti, ha aperto i battenti un mese fa a Torino BiStrani, il primo bistrot gestito da sei ragazzi autistici, tra i 20 e i 30 anni. E il barista e l'addetto alla sala mostrano i primi segnali di apertura al mondo. "Per noi è già una vittoria - spiega a Tgcom24 Massimo Aureli, vicepresidente di "Autismo e Società", la onlus che ha ideato questo nuovo progetto di inserimento lavorativo. - Marcello ha iniziato a sorridere mentre fa i caffè e anche il cameriere, affetto da mutismo selettivo, ha ingranato bene". "D'altronde questi ragazzi, nella loro disabilità, sono lavoratori onesti e affidabili, capaci di gestire operazioni ripetitive senza problemi: le aziende li accolgano", è l'invito finale rivolto a tutto il mercato del lavoro.

A Torino il primo bistrot di ragazzi autistici: "Lavoratori onesti e affidabili da accogliere nelle aziende"

"E' presto per un bilancio - continua Aureli, impegnato da 10 anni con la onlus al fianco di autistici e delle loro famiglie in tutto il Piemonte, - ma, a un mese dall'apertura del bistrot, i tutor della cooperativa di promozione sociale Elisa, che collaborano con noi nell'affiancamento dei ragazzi, hanno constatato che il lavoro come piacere va in crescendo. Le capacità nascoste e le difficoltà a esprimersi di questi giovani, attraverso un tale percorso virtuoso e protetto, emergono e vengono superate. Per uno, in particolare, è evidente la passione per il settore della ristorazione, gli altri, piano piano, accettando la nostra proposta, escono dal loro mondo e affrontano le 50 mansioni che abbiamo individuato: dall'ordinare posate e bicchieri a lavare e pulire la sala".

Qual è stata la risposta della clientela? "Quei pochi che non conoscono il nostro progetto, restano positivamente colpiti da questi ragazzi particolari. Come accade per tutti gli avventori, una volta che i gestori Domenico e Cesarina illustrano l'iniziativa, rispondono con affetto".

"C'è tanta curiosità poi nel quartiere Aurora - aggiunge Aureli. - Il nostro tentativo è riqualificarlo: prima era diviso in due dalla linea ferroviaria per Milano e, ora che i binari sono stati interrati ed è spuntato un lungo viale, proviamo a renderlo più bello. Ci mettiamo il cibo e anche eventi culturali che non abbiano solo come tema la disabilità".

La Rosetta BiStrani, il piatto forte del menù, è servita.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali