FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Scattato il Vax Day contro il Covid in Italia, Giuseppe Conte: "Giornata storica"

Ma scoppia la polemica sul numero di dosi disponibili subito sedata dal ministero della Salute: "Contratti europei, vaccini assegnati in base al numero di cittadini"


Le dottoresse Maria Rosaria Capobianchi, Alessandra Vergari e Alessandra D'Abramo, l'infermiera Claudia Alivernini e l'operatore sociosanitario Omar Altobelli sono stati i primi in Italia a ricevere il vaccino anti-Covid allo Spallanzani di Roma.

Il 27 dicembre 2020 sarà ricordato come il Vax day contro il Covid-19. In tutta italiani i primi italiani sono stati vaccinati, tra parole di speranza e moniti a non abbassare la guardia perché la battaglia è ancora lunga. Il premier Conte parla di "giornata storica" ma non esente dalle polemiche. Soprattutto quella legata al numero "esiguo" di dosi ricevute (sono 9.750). Polemica subito spenta dal ministero della Salute: "Il numero di dosi assegnate in Ue era in base alla popolazione".

Chi sono i primi vaccinati - La battaglia contro il coronavirus non è ancora terminata. Lo ricordano i 72mila morti che questo Vax day non può essere comunque un giorno di festa: un'infermiera, un'operatore sociosanitario, una biologa e due infettivologhe dello Spallanzani di Roma hanno ricevuto per primi il farmaco della Pfizer Biontech poi somministrato in tutta Italia agli altri operatori sanitari, al personale e agli ospiti delle Rsa selezionati per la giornata simbolo scelta dall'Ue. "L'Italia si risveglia - dice il premier Giuseppe Conte - questa data ci rimarrà per sempre impressa".

 

 

Dallo Spallanzani allo Spallanzani - Il giorno del vaccino inizia dunque nello stesso ospedale dove poco meno di un anno fa fu ricoverata la coppia di turisti cinesi che fece piombare il Paese nell'incubo del Covid ed è un cerchio che in qualche modo si chiude. La professoressa Maria Rosaria Capobianchi, l'infermiera Claudia Alivernini, l'operatore sociosanitario Omar Altobelli, le infettivologhe Alessandra Vergori e Alessandra D'Abramo, i primi cinque vaccinati, sorridono tutti, orgogliosi del ruolo che gli è stato assegnato: far capire agli italiani l'importanza di vaccinarsi. "E' un giorno importante e decisivo - dice Claudia - la scienza e la medicina sono le uniche cose che ci permetteranno di uscire da questo virus. Lo dico con il cuore, vaccinatevi". "Se sono preoccupata? Sì - risponde ai cronisti Alessandra Vergori - ma per voi, non per il vaccino che è sicuro ed efficace e, soprattutto è l'unico strumento che abbiamo per venire fuori da questo incubo". Il più emozionato è Omar. "Il mio pensiero va a chi non è riuscito ad arrivare a questo giorno. Spero di essere un esempio per tutti e solo il primo di una lunga serie, ho visto tanta sofferenza e dolore".

 

 

Speranza: "Il cammino non sarà breve" - Tutti parlano di nuova era, di svolta, di luce in fondo al tunnel. Il più citato è Winston Curchill: è la fine dell'inizio. Il Vaticano parla di "giorno storico" e ricorda la linea di Papa Francesco: il vaccino sia per tutti in tutti i paesi. Roberto Speranza, che dall'inizio dell'emergenza è sempre stato il più rigorista del governo, continua a chiedere cautela. "Siamo sulla strada che serve per chiudere una stagione difficile ma il cammino non sarà breve, dobbiamo resistere ancora, serve tempo e prudenza". Il perché lo spiegano i tecnici: gli effetti del vaccino, dice il virologo Fabrizio Pregliasco, si inizieranno a vedere quando si raggiungerà il 20-30% della copertura vaccinale. E per avere la tanto agognata immunità di gregge, aggiunge il Commissario per l'emergenza Domenico Arcuri, serve che l'80% della popolazione sia vaccinata. "Lavoriamo affinché questo accada in autunno e quel giorno saremo per sempre fuori da una lunga notte".

 

 

La polemica sulle dosi (e De Luca) - La distribuzione delle prime 9.750 dosi di vaccino in tutta Italia fila liscia senza problemi grazie al piano messo a punto dalla Difesa: le fiale sono arrivate a destinazione con 5 aerei e 60 veicoli militari. Così l' immancabile polemica nel Paese dei campanilismi scatta per la foto del governatore della Campania Vincenzo De Luca che si è sottoposto al vaccino, primo tra i politici. Ma scatta anche la polemica sulle "poche" dosi consegnate all'Italia mentre in altri Paesi sarebbero state molte di più. E su questo è intervenuto il ministero della Salute precisando che i contratti di fornitura sono stati firmati dalla Commissione Ue e che "ogni Paese riceve la quota percentuale di dosi in proporzione alla popolazione secondo le stime Eurostat. All'Italia è destinato il 13,46% di ogni fornitura. Questo equivale a 26,92 milioni di dosi dal contratto con Pfizer-Biontech, di cui 8,749 milioni nel primo trimestre".

 

 

I simboli del Vax Day - Ma il vax day è soprattutto altro, fortunatamente. E' il volto di Alice Soldà, l'infermiera che è stata vaccinata all'ospedale di Schiavonia: è lì che morì Adriano Trevisan, la prima delle 71.925 vittime di questo maledetto virus. "Abbiamo vissuto momenti difficili, adesso speriamo che vada tutto bene". E' lo sguardo delle dottoresse di Codogno e Alzano lombardo, gli ospedali simbolo della prima ondata. Lucia Premoli è una delle infermiere che il 20 febbraio scorso ha curato il paziente uno, Mattia, e oggi è ancora lì, con l'ago nel braccio. "Non abbiamo altra strada da percorrere per tornare ad una vita normale". E sono gli applausi dei medici che accolgono le scatole con le fiale a Firenze, Brindisi, Cagliari.

 

Vax Day, partite le prime somministrazioni in tutta Italia

Da Nord a Sud. Nel Vax Day, in tutte le Regioni d'Italia sono partite le vaccinazioni anti Covid. I primi a riceverlo sono stati operatori sanitari, ospiti e operatori delle Rsa.

 

Da lunedì il piano vaccinale nazionale - A partire dal 28 arriveranno in Italia 470mila dosi a settimana, per un totale di 8,7 milioni solo nel primo trimestre. Alle quali si aggiungeranno quelle dei vaccini di Moderna e di Astra Zeneca. Restano da convincere gli italiani. "Credete nel vaccino - è l'appello del direttore sanitario dello Spallanzani Francesco Vaia - è uno strumento fondamentale in questa battaglia, non ci sono scorciatoie". Ed è proprio così, nessuna scorciatoia, nessun "miracolo", per combattere il virus c'è la scienza e l'unica arma a disposione è il vaccino.  

 

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali