FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Rimini, litiga con la compagna per il figlio e la uccide: arrestato

La donna, Cristina Peroni, è stata colpita a morte con un mattarello dal convivente, Simone Benedetto Vultaggio, in cura per problemi psichiatrici. Lui dopo l'omicidio: "Ora non potrà più parlare male di me al bambino"

Femminicidio dopo una lite per il bambino, arrestato un 47enne

Un uomo di 47 anni, Simone Benedetto Vultaggio, ha ucciso, a Bellariva di Rimini, la compagna di 33, Cristina Peroni, madre di un bimbo di sei mesi.

Secondo le testimonianze dei vicini,

i due avevano litigato per il figlio

. La donna avrebbe urlato, chiesto aiuto e implorato l'uomo di calmarsi, tutto inutilmente. L'uomo è poi uscito in strada sporco di sangue dicendo: "Il bambino sta bene. Ora lei non potrà più parlargli male di me". Ora è in arresto con l'accusa di omicidio volontario.

 


Uccisa con un mattarello, l'uomo in cura per problemi psichiatrici

- Secondo quanto emerso dalle indagini, Simone Benedetto Vultaggio avrebbe ucciso la convivente con un mattarello. Al loro arrivo, gli agenti l'hanno trovata morta in camera da letto, mentre il figlio era in sala. Sembra che il bambino non abbia corso alcun pericolo. L'uomo, in cura in un'Ausl psichiatrica, si sarebbe alterato perché la compagna non gli lasciava prendere il figlio in braccio. 


 



 



TI POTREBBE INTERESSARE

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali