FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

L'incrociatore russo Varyag davanti alle coste del Salento: la sfida di Putin alla Nato (e all'Italia)

L'incrociatore più potente della Marina di Mosca è a poche decine di miglia da Santa Maria di Leuca poi si allontana verso Creta. L'Alleanza Atlantica lo tiene d'occhio e gli americani mandano la portaerei Truman nel Mediterraneo

L'incrociatore russo Varyag che spaventa le coste italiane

Continuano le provocazioni in mare tra Nato e Russia.

Stavolta ad alzare la tensione è la Marina russa che prende nuovamente di mira il nostro Paese. L'incrociatore "Varyag", il gemello della "Moskva" affondato nel Mar Nero dagli ucraini, sta navigando pericolosamente al largo delle coste pugliesi. Secondo le ultime indiscrezioni, dati certi non ce ne sono essendo un vascello militare, la più potente unità della Marina di Putin si trova a poche decine di miglia nautiche da Santa Maria di Leuca, nel Salento.

E' il sito "The Shipyard" che ha lanciato l'allerta sull'incrociatore Varyag. Si tratta in vascello di classe Slava, tra le più potenti e devastanti unità che Mosca ha schierato nel Mediterraneo, nel tentativo di alzare la tensione proprio con la Nato. Il Varyag si muove nel Mar Ionio scortato da un'altra nave di supporto, la "Ammiraglio Tributs", che la protegge da ipotetici attacchi aerei o di sottomarini. 


 



 


In viaggio verso Creta -

Al momento, a quanto si apprende da fonti qualificate, la Varyag è in navigazione verso sud-est, in direzione di Creta. Questo tipo di 'avvicinamenti' alle acque territoriali è sempre attentamente monitorato dalla Marina Militare e, più in generale, dai mezzi della Nato. Solo pochi giorni fa il capo di Stato Maggiore della Marina, ammiraglio Enrico Credendino, aveva spiegato che al momento ci sono ben 18 navi militari russe nel Mediterraneo, più due sommergibili. Nel 2016 ne era presente soltanto una. Ed è notizia di questi giorni che anche gli americani non sono stati a guardare. Nel Mediterraneo è arrivata la gigantesca portaerei "Truman", ufficialmente per missioni di routine. 


 



 


La Varyag "spiata" dai cieli -

Un altro sito molto informato sui movimenti militari è l'italiano ItaMilRadar. Quest'ultimo ha scoperto come un velivolo radar della Nato ha compiuto voli circolari nei pressi dell'isola greca di Giacinto. Una manovra che serve a tracciare la situazione dei velivoli e delle navi per centinaia di miglia in  quella zona.


 



 


Qual è l'obiettivo dei russi? Mostrare i muscoli. Dall'inizio del conflitto ucraino la Marina russa ha inviato nel Mediterraneo una flotta imponente con almeno due sottomarini e sette navi da guerra. Difficile pensare alla volontà di una provocazione "fisica" ma il rischio "incidente" è pur sempre molto elevato.


TI POTREBBE INTERESSARE

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali