FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Tragedia Mottarone, periti: "La testa fusa della funivia doveva essere sostituita"

I tecnici che indagano per conto del tribunale hanno chiesto e ottenuto una proroga: slitta a settembre il deposito delle perizie

Funivia Mottarone, effettuata la rimozione dei rottami

I primi accertamenti dei periti sulla funivia del Mottarone hanno riscontrato "tre fili lesionati ad 8 millimetri dal colletto della testa fusa della traente inferiore del veicolo 3".

E' quanto emerge dalla richiesta di proroga ottenuta dai periti nell'ambito dell'incidente probatorio sulle cause della tragedia che il 23 maggio 2021 causò la morte di 14 persone. "Preme sottolineare che qualora tali lesioni si fossero riscontrate durante le ispezioni mensili previste da norme - scrivono i periti - si sarebbe dovuta dismettere la testa fusa anticipando la data di scadenza della stessa".

Slitta a settembre il deposito delle perizie -

 Slitta il deposito delle perizie disposte con la formula dell'incidente probatorio per far luce sulle cause della tragedia del Mottarone, in cui il 23 maggio dello scorso anno sono morte 14 persone. Il gip Elena Ceriotti ha accolto la richiesta di proroga avanzata dai periti e ha concesso la proroga dei termini fino al 16 settembre. Revocate le udienze previste per luglio, il giudice ha riconvocato le parti in aula il 20, 21 e 24 ottobre prossimi, quando dovranno essere illustrati e discussi gli esiti degli accertamenti tecnici.


 



 


Il gip Annalisa Palomba, e non Elena Ceriotti come appreso in un primo momento, ha ritenuto che "la necessità di approfondimento in ordine alle analisi frattografiche", ovvero gli accertamenti relativi alla rottura dei materiali, in questo caso il cavo trainante della funivia, "sia meritevole di accoglimento". Nei giorni scorsi il collegio dei periti guidato da Antonio De Luca, ordinario di Tecnica delle costruzioni all'Università Federico II di Napoli, aveva chiesto una proroga per "sopravvenute esigenze di ulteriori indagini e approfondimenti".


 



 


"Eravamo fiduciosi che lo svolgimento delle indaginifrattografiche su un individuato gruppo di fili della fune collassata ci potesse fornire una luce sulle ragioni del collasso stesso - spiega De Luca in una mail inviata al gip -; poichè invece abbiamo trovato ossidazioni molto consistenti su questi fili, riteniamo di operare in maniera estesa le indagini frattografiche". Richiesta di proroga era pervenuta anche dal collegio informatico, allo scopo di "armonizzare" le perizie ed evitare il rischio "di rilasciare tutta una serie di  informazioni e dati - spiega Paolo Dal Checco - che rimarrebbero privi della valutazione del collegio 'delle cause', e quindi di spiegazione, lasciando aperta a chiunque, anche mediaticamente, la possibilità di speculare su tali elementi".


TI POTREBBE INTERESSARE

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali