FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Torino, riapre il bordello delle bambole di silicone ma... cambia indirizzo

I titolari della prima casa chiusa italiana con sex doll hanno ricevuto dal Comune il via libera per lʼattività di affittacamere, dopo i sigilli posti dai vigili

Prenotazioni e sold out salvi: riapre a Torino la prima casa d'appuntamento italiana con sex doll, che era stata chiusa a poche settimane dall'apertura per delle irregolarità sanzionate dalla polizia locale. I gestori hanno ricevuto l'ok dal Comune per l'attività di affittacamere e per mettersi in regola con la licenza cambieranno indirizzo. Addio, dunque, all'alcova di Mirafiori, il bordello delle bambole di silicone avrà un nuovo indirizzo. Mentre le prenotazioni, anche durante la chiusura, non si sono mai fermate.

Torino, la casa dʼappuntamento con sex doll è salva: riapre come attività di affittacamere

I titolari del bordello delle sex doll, secondo Torino Today, starebbero valutando due possibilità per ricominciare entro 30 giorni il loro business: appoggiarsi a un bed and breakfast già esistente o aprirne uno nuovo.

Intanto, l'azienda si affretta a precisare che dal punto di vista igienico le autorità preposte "non hanno riscontrato alcuna infrazione".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali