FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Omicidio del fratello del pentito, Grasso a Tgcom24: "Una sconfitta dello Stato"

Durante la trasmissione "Dentro i fatti" sono intervenuti anche il giornalista Klaus Davi e il magistrato della direzione antimafia Roberto Pennisi

"Non c'è dubbio che sia una sconfitta dello Stato, è compito dello Stato tutelare tutti i cittadini, ma soprattutto i pentiti che sono fondamentali per combattere la criminalità organizzata che è ancora potente, feroce e presente non solo nei territori d'origine ma anche nel resto d'Italia". Così Pietro Grasso, ex presidente del Senato ed ex magistrato, ha commentato a Tgcom24 l'uccisione di Marcello Bruzzese, il 51enne fratello di un collaboratore di giustizia che è stato freddato a colpi di pistola in pieno centro a Pesaro. Durante la trasmissione "Dentro i fatti" sono intervenuti sulla vicenda anche il giornalista Klaus Davi e Roberto Pennisi, magistrato della direzione antimafia.

Il leader di Liberi e Uguali ha commentato anche la recente dichiarazione di Salvini secondo il quale "tra pochi mesi la mafia sarà distrutta". "Io me lo auguro, ma ne dubito, soprattutto se i problemi si affrontano con una leggerezza simile come in questo caso - ha detto Grasso. - Quando ero procuratore nei programmi di protezione rientrava anche il cambio di generalità. In questo caso le cose sono due o mancano le risorse o c'è un'altra politica", ha detto il leader di Liberi e Uguali in merito al fatto che la vittima avesse mantenuto il suo nome e cognome nonostante vivesse sotto protezione. Le sue generalità apparivano anche fuori dalla porta di casa. Grasso ha commentato anche il post di Salvini che ha scatenato una polemica in rete e in cui si vede il vicepremier mangiare pane e Nutella. "Quando nel Paese succedono cose così gravi non si possono postare sui social immagini di tale leggerezza. E' un momento particolare e la sicurezza del Paese dipende anche dal ministro dell'Interno".

Pennisi: Il sistema di protezione funziona - "Se pensiamo al numero di collaboratori di giustizia che esistono in Italia e al numero di parenti delle vittime che godono della protezione, possiamo dire che il sistema funziona perché se così non fosse i corpi si raccoglierebbero con le ruspe", ha detto Roberto Pennisi, magistrato della direzione antimafia. Pennisi ha ricordato anche quando il fratello della vittima ha iniziato a collaborare con la giustizia. "Biagio Girolamo Bruzzese si pentì e cominciò a collaborare in aula proprio con me, era un collaboratore di estrema serietà".

Klaus Davi: Le istituzioni hanno sottovalutato il pericolo - "E' evidente che le istituzioni abbiano sottovalutato il pericolo e che a Bruzzese non è stata fornita una protezione adeguata. Oggi è passato un messaggio grave da parte della 'ndragheta e il messaggio è: 'siamo noi i padroni e facciamo quello che vogliamo e dove vogliamo'". E' il commento del giornalista Klaus Davi. "La 'ndragheta ha dato così una terribile lezione allo Stato. E la politica dovrebbe fare di più per combattere la mafia, ma non è facile andare addosso alla 'ndragheta, è molto più semplice andare addosso ai migranti che sono più indifesi. Spero che dopo la vicenda di Pesaro la politica rifletta di più e non pensi di poter risparmiare sulla scorta, come è già successo".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali