FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Nichi Vendola: "Avremmo voluto adottare, ma la dittatura dellʼipocrisia ce lʼha impedito"

A Matrix lʼex governatore della Puglia è stato intervistato in merito alla tecnica della maternità surrogata, tramite la quale lui e il suo compagno sono diventati genitori

La maternità surrogata, anche detta utero in affitto, è un tema ancora molto discusso e sul quale, nel corso di un'intervista a Matrix, si è espresso Nichi Vendola, che con il compagno ha avuto un figlio attraverso questa pratica. "Io non ho affittato un utero. Per anni e anni, io e il mio compagno abbiamo cercato, prima in Canada e poi in California, una 'relazione' - che poi abbiamo costruito - con una donna che ci ha donato un ovulo e con una donna che, con assoluta felicità, ha portato nel grembo nostro figlio. Sono due donne che appartengono oggi al nostro contesto familiare, con cui ci relazioniamo costantemente: ci raccontano dei loro figli e vogliono sapere tutto del nostro. Io e il mio compagno avremmo sicuramente voluto adottare, ma questo non è stato reso possibile dalla dittatura dell’ipocrisia che domina una rilevante parte del mondo".

Sono state queste le parole dell'ex governatore della Puglia, che interpellato poi in merito alle accuse mosse anche da molte donne di sinistra verso questa pratica, giudicata una mercificazione del corpo femminile, ha ribattuto deciso: "Nessuna femminista ha il diritto di mettere una museruola a un'altra donna. Vorrei da parte loro e di molti altri la delicatezza dell'ascolto e del dialogo."

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali