FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Mafia, vittime del clan Spada non presenti in aula | Pm: "Clima di paura"

Inizia nell’aula bunker del carcere di Rebibbia il maxi processo che vede tra gli imputati il boss Carmine e suo fratello Roberto

Le vittime delle presunte vessazioni messe in atto a Ostia (Roma) da alcuni membri del clan Spada non si sono presentate al'udienza del maxi processo davanti alla III Corte d'Assise. Sono una quindicina le persone che hanno deciso di non costituirsi parte civile e di disertare l'aula bunker di Rebibbia. Per i pm ciò conferma che nella zona di Ostia "permangono un clima di paura e gravi problemi di sicurezza legati a un contesto criminale mai placato".

Ostia, si apre il processo al clan Spada: le vittime non si presentano in aula

Il procedimento vede imputate 27 persone, ritenute appartenenti al clan del litorale romano. Tra loro figurano anche il boss Carmine Spada, anche noto come "Romoletto", e suo fratello Roberto, già a processo per l'aggressione a una troupe televisiva durante un'intervista. Entrambi sono accusati di essere capi di un'associazione per delinquere di stampo mafioso e di altri reati, tra cui l'esser stati i mandanti degli omicidi di Giovanni Galleoni (detto "Baficchio") e Francesco Antonini (detto "Sorcanera"), uccisi nel novembre del 2011 a Ostia.

Proprio il duplice omicidio "segna l'inesorabile ascesa al potere del clan Spada - hanno sostenuto gli inquirenti - il cui prestigio criminale vede una progressiva crescita in forza dell'alleanza con l´organizzazione facente capo alla famiglia Fasciani e in concomitanza con l'indebolimento della famiglia dei 'Baficchio' (Galleone - Cardoni)". Traffico di droga, estorsione e usura le attività privilegiate dal clan: le vittime venivano minacciate con ferocia, come è emerso da alcune conversazioni intercettate.

Uno degli affiliati finiti in manette nella serie di arresti compiuti a gennaio, nel minacciare una vittima, aveva affermato: "Ti dovrei spaccare solo la faccia... hai preso la persona sbagliata. Ti spezzo tutte le costole, piglio le tenaglie e ti strappo i denti".

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali