FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Macerata, dimentica di chiudere il bar: entrano in tre e pagano il conto

I tre ragazzi hanno preso una birra ma non trovando nessuno del personale hanno lasciato "il conto" sul bancone. La titolare: "Un gesto generoso, per nulla scontato"

Facebook

Dimentica il bar aperto, ma quello che trova l'indomani la lascia senza parole: nella notte qualcuno è entrato, ha preso delle birre, ma non trovando nessuno ha voluto comunque pagare, lasciando i soldi sul bancone.

È una storia di generosità

quella che Anca Nicoleta Scolareanu, proprietaria di un locale a Sant'Angelo in Pontano, in provincia di

Macerata

, ha voluto raccontare per ringraziare i giovani avventurieri dall'animo onesto: "È

un gesto bellissimo

che dà fiducia".

Torino, bimbo perde un robot-giocattolo e chiede aiuto alla polizia: gli agenti gliene regalano uno identico

Perde il suo giocattolo preferito, un piccolo robot con le ali, mentre si trova a Bardonecchia (Torino) in vacanza con i genitori. Così decide di scrivere e inviare una letterina al Commissariato di Bardonecchia (Torino) per segnalare il "fatto spiacevole". Gli agenti, dopo una colletta, gliene regalano uno identico. Protagonista della storia è un bambino di 5 anni, il piccolo Matteo. La vicenda risale alle scorse settimane. Nella lettera - scritta in stampatello, con l'aiuto della mamma, all'interno del disegnino di un cuore e che inizia con "Buongiorno signor poliziotto, scusi il disturbo" - il piccolo chiedeva se "per favore" la polizia poteva "attivare le indagini" aggiungendo che "stanotte non ho chiuso occhio perché mi manca il mio giocattolo". Poi aveva fornito una descrizione il più possibile minuziosa dell'oggetto: "le ali si aprono, parla ma ha le pile scariche, e sotto il piede c'è scritto Matteo ma ora è un po' scolorito". Nei giorni scorsi il piccolo è tornato a Bardonecchia con i genitori e, quando è passato dal commissariato, ha trovato un regalo: un robot identico, corredato da un biglietto scritto a mano con le firme dei poliziotti all'interno di un cuore. "Una sorpresa inaspettata - è il post di "Agente Lisa", pagina friendly della Polizia di Stato su Facebook - che ha fatto emozionare anche i suoi nuovi amici del commissariato di Bardonecchia, e che lui di certo non dimenticherà".

Leggi Tutto Leggi Meno


Il gesto -

"Abbiamo preso due Peroni,

ecco qui i soldi

". Così c'era scritto sul biglietto che Anca ha trovato sul bancone del suo bar, vicino a una manciata di euro, quando sabato mattina è entrata nel bar di proprietà,

 lasciato aperto la sera prima

per una dimenticanza. A compiere il gesto inaspettato, come la donna ha ricostruito poi grazie alle immagini registrate dalle

telecamere di sicurezza

pur senza riconoscerne l'identità, sono stati tre ragazzi dall'aspetto molto giovane, ma di cui non riesce a riconoscere l'identità. Intorno alle cinque il gruppetto, vedendo la porta aperta, entra nel locale, i tre cercano qualcuno del personale, ma nessuno risponde. Allora

si servono da soli

, ma dopo aver bevuto lasciano il corrispettivo di quello immaginano essere il conto sul bancone e vanno via.


 


La reazione della proprietaria -

"Questo gesto dimostra che ci sono anche

ragazzi bravissimi

. Non era affatto scontato, potevano andarsene senza pagare e fare anche di peggio. È stato

come un regalo

, e soprattutto un segno di rispetto per il mio lavoro". Anca, 32 anni, è rimasta molto colpita dall'episodio. "Va raccontato - ha detto al giornale locale Cronache Maceratesi - soprattutto per tornare ad

avere fiducia nei giovani

dopo la violenza da cui siamo stati investiti nelle ultime settimane".


 


Dopo due anni difficili - 

Per Anca, nata in Romania, ma ormai

maceratese d'adozione

, essendo arrivata nel piccolo comune dieci anni fa, il comportamento di quei ragazzi "dimostra ancora una volta che in questo paesino, oltre alla bellezza delle colline, vivono

persone speciali

, ragazzi con ancora dei valori". Poi ha ricordato le difficoltà incontrate prima di riuscire ad avviare la sua attività. Prima il terremoto del 2016, poi il

Covid

: "Devo

ringraziare tutti i miei amici

che mi hanno aiutato nell'apertura di questo locale" ha detto, e ai giovani clienti ha lanciato un invito pubblico: "Vi voglio ringraziare. Se passate da me,

vi offro un aperitivo

".


TI POTREBBE INTERESSARE

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali