FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Strage di Samarate, Maja: "Mi sentivo un fallito, ossessionato dai debiti"

L'uomo ha ammesso l'omicidio della moglie e della figlia in preda a una crisi: "Non so perché ho agito così, mi sentivo responsabile di non poter garantire loro un futuro" 

samarate  Alessandro Maja Stefania Pivetta Giulia 
Tgcom24

Durante l'interrogatorio di garanzia, Alessandro Maja ha ammesso di aver ucciso brutalmente la moglie, Stefania Pivetta, 56 anni, e la figlia di 16 anni, Giulia, a Samarate (Varese) sull'orlo di una crisi poiché "ero ossessionato dal peso dei debiti".

"Mi sentivo un fallito, responsabile di non poter garantire lo stesso tenore di vita alla famiglia in futuro, non so perché ho agito cosi", ha affermato il 57 enne ricoverato nel reparto di psichiatria dell'Ospedale San Gerardo di Monza subito dopo essere stato arrestato.

 


Il racconto -

Alessandra Maja ha dunque provato a spiegare al Gip Piera Bossi i motivi del duplice omicidio e l'aggressione quasi mortale all'altro figlio, Nicolò, 23enne, ancora ricoverato in prognosi riservata a Varese. L'uomo ha detto di aver "vagato per casa" tra le 4 e le 5 del mattino e di non saper "spiegare cosa sia successo e perché". La difesa ha già chiesto che sia sottoposto a perizia psichiatrica. 


 



 



Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali