FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Monza, 41enne rinuncia agli arresti domiciliari: "Meglio in carcere che a casa con mia moglie"

L'uomo ha chiesto (e ottenuto) di tornare dietro le sbarre dopo le liti con la compagna. La decisione è dipesa anche dal comportamento che teneva in casa: come spiegano i carabinieri, beveva e diventava aggressivo

carcere carceri cella celle generica regina coeli detenuti
Ansa

"Meglio in carcere che a casa con mia moglie".

Con queste parole un 41enne originario di El Salvador ha chiesto ai carabinieri di tornare dietro le sbarre dopo l'ennesima lite con la compagna. L'uomo si trovava agli arresti domiciliari da cinque mesi in un'abitazione di Seregno, in provincia di Monza e Brianza. La convivenza con la donna era tuttavia problematica: come riferiscono i militari dell'Arma, il 41enne beveva e diventava aggressivo. Il Tribunale di sorveglianza ha quindi accolto la richiesta di sospensione della detenzione domiciliare: per l'uomo si sono riaperte le porte del carcere, con la soddisfazione di tutti.

 

L'intervento dei carabinieri - La vicenda è stata raccontata da Il Giorno. A raccogliere la richiesta del salvadoregno sono stati i carabinieri, intervenuti nell'appartamento per sedare l'ennesimo litigio della coppia. I militari dell'Arma hanno trovato l'uomo in stato di alterazione psicofisica dovuto all'alcol. Davanti a loro, il 41enne ha anche impugnato un coltello per farsi del male.

 

Una volta calmato, il salvadoregno ha chiesto di tornare in carcere perché non sopportava più la convivenza. Data la conflittualità presente nella coppia e i comportamenti aggressivi del 41enne, i carabinieri hanno proposto al Tribunale di sorveglianza la sospensione degli arresti domiciliari, ottenendola. L'uomo è stato quindi condotto in carcere.

 

Le sue condanne - L'uomo era stato condannato in via definitiva per rapina, resistenza a pubblico ufficiale e lesioni personali, tutti reati commessi a Milano nel 2013. In totale deve scontare 6 anni, considerate anche altre pene concorrenti. Aveva cominciato a espiarli da marzo, chiedendo la detenzione domiciliare nell'abitazione di Seregno. Fino alla richiesta di tornare in carcere.

TI POTREBBE INTERESSARE

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali