FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Incendio alla Nitrolchimica, ipotesi errore umano | Vietato mangiare prodotti dell'orto nelle aree limitrofe

Dalla videosorveglianza arrivano le prime indicazioni sulla dinamica dell'esplosione iniziale, che ha poi fatto partire la reazione a catena. Intanto scattano le ordinanze restrittive nelle zone vicine all'azienda

Proseguono frenetiche le indagini della procura di Lodi sul vasto incendio che nella mattina di mercoledì 7 settembre ha devastato la Nitrolchimica di San Giuliano Milanese, a pochi chilometri dal capoluogo lombardo.

Dai filmati di videosorveglianza delle ditte limitrofe arrivano le prime conferme sulla dinamica dell'esplosione iniziale, che ha poi fatto partire la reazione a catena: tra gli inquirenti si fa strada la pista dell'

errore umano

.


Gli istanti prima del rogo

 - Come si apprende dai quotidiani, nei fotogrammi estratti si vedrebbe un

operaio

- ora ricoverato nel reparto Grandi ustionati dell'ospedale Niguarda in condizioni critiche - mentre inserisce

manciate di rifiuti

all'interno di un compattatore. È da lì che sarebbe partita la prima vampata, forse per l'inserimento di un pezzo rovente o infiammabile. Poi il rogo si sarebbe propagato a una cisternetta per il trasporto di materiali.


 


L'esplosione

- Sempre secondo la ricostruzione, l'operaio avrebbe quindi provato a caricarla su un muletto per portarla altrove anziché usare un estintore. Così facendo, sarebbe finito a contatto con un serbatoio di solventi, che poi è esploso.


L'ordinanza

- In attesa degli esiti dei campionamenti ambientali di Arpa, i Comuni di San Giuliano Milanese - luogo dell'esplosione - e di San Donato Milanese hanno emesso in via precauzionale un'ordinanza congiunta, che vale per i territori nel raggio di un chilometro dalla Nitrolchimica. Come riporta Il Giorno, nel provvedimento si vieta ai cittadini di raccogliere e consumare frutta e verdura coltivata all'aperto (ad esempio nell'orto) o cresciuta in maniera spontanea. Inoltre, i bambini non possono permanere a lungo nei cortili delle scuole materne. Infine, scatta anche il divieto di pascolo e razzolamento all'aperto degli animali da cortile.

"Non allarmarsi"

- A chiedere di adottare questi provvedimenti è stata l'Ats. I sindaci Marco Segala (San Giuliano Milanese) e Francesco Squeri (San Donato Milanese) fanno sapere che continueranno "a seguire da vicino l'evolversi della vicenda" e sono "pronti a intraprendere le azioni che si renderanno necessarie". Al contempo, invitano i cittadini "a non allarmarsi e ad adottare i comportamenti che, di volta in volta, saranno indicati sui canali istituzionali".


TI POTREBBE INTERESSARE

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali