FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Roma, la Questura non autorizza il sit-in "IoApro" a Montecitorio | Ma gli organizzatori: "Andremo comunque"

"Noi lunedì saremo in piazza, stiamo fallendo e manifestare è un diritto", dice uno dei fondatori del movimento di protesta contro le chiusure imposte alle attività commerciali

Proteste anti restrizioni a Montecitorio: spunta anche il sosia dello sciamano Jake Angeli

Davanti a Montecitorio per protestare contro le restrizioni Covid si è presentato anche l'emulo dello sciamano Jake Angeli, noto per l'assalto al Campidoglio Usa, perché - dice - "bisogna far fare il giro del mondo a questa manifestazione, così come è successo negli States". Ermes, 51 anni, è un ristoratore modenese che ha una figlia di 20 anni e che dice di
essere "aperto da gennaio, perché da un anno non è cambiato nulla, nonostante tutte le chiusure". E con il volto truccato con i colori della bandiera italiana aggiunge: "Siamo esasperati. Nessuno ci ha mai ascoltato. Mi sono dovuto vestire da pagliaccio per attirare l'attenzione. Spero che ora qualcuno si accorga di noi e ci ascolti. Ho dovuto pagare gli strozzini per pagare i dipendenti". 

Leggi Tutto Leggi Meno

A pochi giorni dai disordini della manifestazione davanti alla Camera, il movimento "IoApro" ha lanciato per lunedì un nuovo sit-in in piazza Montecitorio, a Roma, per protestare contro le chiusure imposte alle attività commerciali. La Questura, però, ha comunicato che "la manifestazione non è autorizzata". Secca la replica di Antonio Alfieri, uno dei fondatori di "IoApro": "Noi andremo comunque a Roma, stiamo fallendo e manifestare è un diritto".

"Non siamo violenti" "Vietarci tutte le piazze mi sembra eccessivo, lo hanno fatto solo per mettere in difficoltà la gente. Quanti saremo? Dipende quanti riescono ad arrivare, partiranno i treni e i bus. poi li fermeranno. Non non so cosa succederà", aggiunge Alfieri. "Noi non siamo violenti, siamo imprenditori e lavoratori, cerchiamo solo di resistere e ci vogliamo far sentire", sottolinea.

 

"Ci uniremo alla manifestazione autorizzata" "Avevamo chiesto di poter manifestare. Non ci hanno accordato un'altra piazza ma andremo a sostegno della manifestazione già autorizzata a Montecitorio di un'altra associazione", spiega Momi El Hawi, fra gli organizzatori di "Io Apro". "Andremo come ospiti a questa manifestazione, saremo tutti uniti", aggiunge.

 

 

Lo stop della Questura "A differenza di quanto affermato e diffuso sui social - sottolinea la Questura - si segnala che, con formale provvedimento redatto dalla Questura di Roma in data 9 aprile, la piazza di Montecitorio è stata formalmente vietata ai rappresentanti del movimento 'IoApro', in quanto già concessa e, quindi occupata da un'altra manifestazione regolarmente preavvisata nei giorni precedenti, che si svolgerà nella stessa fascia oraria con la prevista partecipazione di 100 persone".

 

Roma, i momenti più violenti nella manifestazione davanti a Montecitorio

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali