FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Morte Desirée, preso il quarto presunto stupratore: è un immigrato del Ghana, aveva il permesso scaduto

Rintracciato vicino a Foggia, è accusato di violenza sessuale di gruppo e omicidio volontario con altri due senegalesi e un nigeriano. Era in possesso di circa 10 chilogrammi di marijuana

Morte Desirée, preso il quarto presunto stupratore: è un immigrato del Ghana, aveva il permesso scaduto

E' stato rintracciato e fermato, vicino a Foggia, il quarto uomo coinvolto nello stupro e nella morte della 16enne Desirée Mariottini, in un locale occupato a Roma. Si tratta di Yusif Salia, un ghanese di 32 anni con il permesso scaduto, che ora, insieme ad altri due senegalesi e un nigeriano, è accusato di violenza sessuale di gruppo e omicidio volontario. In base a quanto riferito aveva in programma una fuga dall'Italia.

Sono stati oltre cento gli agenti di polizia impegnati nell'operazione di cattura dello straniero che, per non farsi riconoscere, si era tagliato i capelli.

Trovato in possesso di 10 chili di marijuana - L'uomo è stato trovato in possesso di una pistola giocattolo, di circa dieci chilogrammi di marijuana, di metadone e di qualche grammo di hashish. Secondo fonti investigative, lo stupefacente è stato rinvenuto nella baracca dove è stato trovato l'uomo nella baraccopoli che circonda il Centro richiedenti Asilo politico di Borgo Mezzanone. All'arrivo delle forze dell'ordine si è all'interno dell'abitazione di fortuna ed è stato necessario sfondare la porta per arrestarlo.

Aveva il permesso scaduto, controllato a marzo - L'immigrato fermato a Foggia aveva un permesso di soggiorno per motivi umanitari scaduto a gennaio del 2014. Secondo quanto si apprende da fonti investigative, a Salia era stato rilasciato un titolo di soggiorno dalla questura di Napoli il 15 dicembre del 2012 e scaduto, appunto, a gennaio 2014. Il 27 marzo, sottolineano ancora la fonti, Salia era stato accompagnato dalla polizia all'ufficio immigrazione di Roma per essere identificato. E in quell'occasione era stato invitato ad andare alla questura di Napoli per regolarizzare la sua posizione.

Gli interrogatori degli altri fermati - Intanto sono previsti per sabato, nel carcere di Regina Coeli, gli interrogatori di convalida e garanzia degli immigrati fermati. La Procura, con il pm Federico Pizza, contesta i reati di omicidio, violenza sessuale e cessione di stupefacenti.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali