FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Morte Desirée, le indagini: stuprata da non cosciente | Fermati tre immigrati irregolari, si cerca un altro complice

Si tratta di un nigeriano e due senegalesi, Mamadou Gara (26 anni) Brian Minteh (43): sono accusati di violenza sessuale di gruppo e omicidio volontario. Salvini: "La quarta bestia sarà presa a breve"

E' stata drogata e poi abusata sessualmente quando era in uno stato di incoscienza Desirée Mariottini, la 16enne trovata morta in uno stabile occupato nel quartiere romano di San Lorenzo. Tre persone fermate: un nigeriano di 46 anni e due senegalesi, bloccati nella notte. Si cerca almeno un altro complice. Gli inquirenti indagano per violenza sessuale di gruppo, cessione di stupefacenti e omicidio volontario con varie aggravanti, tra cui la crudeltà.

I fermati durante la notte sono i due cittadini senegalesi Mamadou Gara (26 anni) e Brian Minteh (43), irregolari in Italia. Secondo gli inquirenti della squadra mobile, entrambi sono ritenuti responsabili, in concorso con altre persone, di violenza sessuale di gruppo, cessione di stupefacenti e omicidio volontario.

Un fermato aveva ricevuto un provvedimento di esplusione - Uno dei due senegalesi, Mamadou Gara, aveva un permesso di soggiorno per richiesta d'asilo scaduto e aveva ricevuto un provvedimento di espulsione firmato dal prefetto di Roma il 30 ottobre 2017. Il 26enne si era reso irreperibile. Era stato poi rintracciato dal personale delle volanti a Roma il 22 luglio 2018 ed era stato richiesto nulla osta dell'autorità giudiziaria per reati pendenti a suo carico.

Il nigeriano aveva il permesso umanitario scaduto - Il terzo fermato per la morte di Desirée Mariottini, il nigeriano Alinno Chima, 46 anni, risulta titolare di un permesso di soggiorno per motivi umanitari rilasciato dalla questura di Roma il 14 marzo 2016 e scaduto il 13 marzo 2018. Lo si apprende da fonti investigative, che segnalano come per la banca dati del comune di Roma l'uomo era irreperibile.

Desirée conosceva i fermati, le hanno dato la droga - Secondo quanto emerso, Desirée conosceva i due fermati che gravitavano nel palazzo abbandonato che avrebbe già frequentato in passato. A quanto accertato, i due avrebbero ceduto alla ragazza la droga, forse parte del mix di stupefacenti che è poi stato fatale per la 16enne.

Caccia a complici - Nel frattempo è caccia ai complici. Dopo aver rintracciato e fermato il nigeriano, gli investigatori stanno cercando almeno un altro individuo che sarebbe coinvolto nella morte della ragazza. Il branco è stato identificato dopo una serie di testimonianze e rilievi effettuati nello stabile di via dei Lucani, nel cuore di San Lorenzo, dove è stato trovato il corpo della 16enne.

"Non cosciente per ore, abusata più volte" - A quanto ricostruito dagli investigatori, Desirée sarebbe stata non cosciente per ore a causa di un mix micidiale di droghe e poi abusata più volte da più persone. La 16enne avrebbe assunto droga già nel pomeriggio del 18 e avrebbe perso coscienza per poi morire nella notte. In quel lasso di tempo, mentre dallo stato di incoscienza si passava alla morte, si sarebbero consumati gli abusi.

La madre: "Voglio giustizia, non deve più accadere" - "Ora voglio giustizia per Desiree, voglio che questa tragedia non accada ad altre ragazze". Lo ha affermato Barbara Mariottini, la mamma di Desirée, commentando la notizia dei fermi. Chiusa in casa a Cisterna di Latina la donna ha preferito restare con la sua famiglia e lasciare Roma dove Desirée è morta.

Un testimone: "Stava male, intorno a lei 7/8 persone" - "Quella notte ero nel palazzo. Ho visto Desiree stare male. Era per terra e aveva attorno 7/8 persone. Le davano dell'acqua per farla riprendere". A parlare è uno dei frequentatori del palazzo di via dei Lucani che dice di essere stato ascoltato in Questura. Il testimone racconta anche che la notte del 19 ottobre, attorno all'una, "qualcuno chiamò i soccorsi".

Salvini: "La quarta bestia sarà presa a breve" - Sulla vicenda è intervenuto il ministro dell'Interno, Matteo Salvini: "Grazie alle forze dell'ordine. Farò di tutto perché i vermi colpevoli di questo orrore paghino fino in fondo, senza sconti, la loro infamia". Io oggi sono felice - ha proseguito -, perché tre bestie che hanno stuprato una ragazza sono state prese, e la quarta verrà presa nei prossimi minuti".

Raggi: "Atroce delitto, ora giustizia" - "Giustizia per Desirée. Grazie alla Procura e alle forze dell'ordine per il fermo di due persone nelle indagini sul terribile omicidio della ragazza. Si cercano altri due complici dell'atroce delitto. Chi ha fatto questo pagherà". Lo ha scritto su Twitter il sindaco di Roma Virginia Raggi.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali