FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Migranti, servono altri 20mila alloggi Si cerca in Sicilia, Lombardia e Lazio

LʼItalia ha accolto nel solo 2015 116mila persone. Al vertice Ue chiederà di innalzare le quote di migranti da distribuire in Europa e lʼobbligo di accoglienza da parte di ogni Paese membro

Migranti, servono altri 20mila alloggi Si cerca in Sicilia, Lombardia e Lazio

Fenomeno immigrazione in Italia: nel 2015 sono arrivati in 116.127 profughi. Tra questi 94mila sono ospitati presso strutture statali. Ma non basta: secondo un documento del Viminale, rivelato dal Corriere della Sera, si cercano 20mila nuovi alloggi. Le quote maggiori in Sicilia, Lombardia e Lazio. Il 14/9 l'Italia chiederà alla Ue l'innalzamento delle quote da distribuire e l'obbligo di accoglienza per ogni Paesi membro.

Le prefetture dovranno attivare le procedure urgenti per reperire altri posti nelle regioni. Obiettivo è quello di trovare sistemazioni negli alberghi, nei campeggi, nei residence e nei villaggi turistici che al termine della stagione estiva potrebbero essere disponibili ad occupare le stanze garantendosi comunque un guadagno.

Il ministro dell'Interno Angelino Alfano lunedì è stato chiaro: gli hotspot, i centri di smistamento e il fotosegnalamento entreranno in vigore appena comincerà la distribuzione dei migranti fra tutti i Paesi della Ue. Il governo vuole chiedere di portare la quota a 40mila profughi per Stato, come aveva prospettato a maggio il presidente Jean-Claude Juncker.

Il nodo più delicato per l'esecutivo sarà reperire i fondi per l'accoglienza poiché i 310 milioni messi a disposizione dall'Europa saranno spalmati in otto anni. Tempi lunghi per un'emergenza attuale, oltre al fatto che la cifra risulta esigua rispetto alle stime secondo cui servirebbero almeno un miliardo di euro per poter affrontare con i giusti mezzi il fenomeno.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali