FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Cucchi, i due carabinieri accusati dal collega: "Noi, traditi" | Il generale Nistri: "Destituzione, ma non è violenza Stato"

Alessio Di Bernardo e Raffaele dʼAlessandro, accusati di omicidio preterintenzionale, si dichiarano innocenti e accusano: "Francesco Tedesco ha parlato così per ragioni di opportunità"

"Ci sentiamo traditi": è ciò che affermano i due carabinieri Alessio Di Bernardo e Raffaele D'Alessandro accusati dal collega Francesco Tedesco di aver eseguito il pestaggio divenuto poi mortale per Stefano Cucchi. "Siamo innocenti, tutto diventa doppiamente tragico se si aggiunge il tradimento di un collega. Un atteggiamento che è dettato da ragioni di opportunità". Il generale Giovanni Nistri: "Pronti alla destituzione, ma non è violenza di Stato".

I due carabinieri accusano Tedesco - La deposizione di Francesco Tedesco, dopo tanti anni da quei drammatici momenti, è considerata dai due colleghi come un atto di tradimento. I tre, Tedesco, Di Bernardo e D'Alessandro, sono accusati di omicidio preterintenzionale nel processo bis sulla morte del geometra romano. "Questa mattina - ha raccontato a La Stampa l'avvocato di Di Bernardo - un uomo ha telefonato a casa della madre, sostenendo di chiamare dalla procura di Roma, e le ha detto: pagherete violentemente per quello che è accaduto. La signora ha avuto un malore. È sconvolgente che tutta Italia giudichi Di Bernardo colpevole sulla base di mere dichiarazioni rese da un co-imputato del medesimo reato che per anni ha detto l'opposto e non sulla base di una sentenza, creando un clima di odio". "Adesso ci ritroviamo, nove anni dopo, con queste dichiarazioni, che abbiamo conosciuto attraverso il web e i giornali. Le affronteremo, vedremo quando sarà sentito. L' informazione è importante, ma i processi si fanno nelle aule di giustizia", ha aggiunto il difensore di D'Alessandro.

L'altro imputato: "Vedremo, parleranno le prove" - Attraverso il suo legale, il maresciallo Roberto Mandolini - accusato di calunnia e falso assieme a Vincenzo Nicolardi anche per aver fatto sparire l'atto con cui Tedesco aveva denunciato il depistaggio - ha attaccato: "Francesco Tedesco, fulminato sulla via di Damasco, ci ha messo dieci anni a dire certe cose, ed è un co-imputato, quindi le sue dichiarazioni saranno sottoposte a un controllo obiettivo ed estremo. Se troveranno il conforto delle prove, allora ci confronteremo con questa realtà".

L'Arma: "Pronti alla destituzione, ma non è violenza di Stato" - "Quei carabinieri sono stati sospesi e nel momento in cui saranno accertate le responsabilità, l'Arma prenderà le decisioni che le competono", fino alla "destituzione: non guarderemo in faccia a nessuno". Lo ha detto Giovanni Nistri, comandante generale dell'Arma dei carabinieri, intervistato sul caso Cucchi. Nistri sottolinea però che parlare di "violenza di Stato è una sintesi giornalistica, ma non si tratta di una violenza dello Stato ma di alcuni appartenenti dello Stato: lo Stato non può essere chiamato come responsabile della irresponsabilità di qualcuno".

"Forse si è aperto uno spiraglio di luce: mi sembra che sia la prima volta che un militare di quelli presenti quella sera ha riferito la sua verità, che ora dovrà passare al vaglio dell'autorità giudiziaria, ma noi siamo al fianco dell'autorità giudiziaria, perché è ora che siano accertate tutte le cause e le dinamiche di quanto successe quella sera", conclude il generale.

In aula entro gennaio il generale Tomasone - Intanto il legale della famiglia Cucchi, Fabio Anselmo, ha annunciato che il generale Vittorio Tomasone "sarà ascoltato in aula entro gennaio su nostra richiesta". Tomasone, attuale comandante Interregionale di Napoli, era comandante provinciale dei carabinieri di Roma all'epoca dei fatti.

Cucchi, il pestaggio secondo il racconto di Francesco Tedesco

Salvini: non coprirò nessuno ma i processi si fanno con la legge - "Chiunque venga arrestato deve essere processato rispettando la legge e non con altre maniere". Questo il commento di Matteo Salvini sul caso Cucchi. "Le porte del ministero degli Interni - ha aggiunto Salvini - sono aperte alla famiglia Cucchi e a 60 milioni di italiani per bene. Se qualcuno invece preferisce fare polemiche e attaccare un ministro e centinaia di agenti sono sue scelte". Salvini ha ribadito l'invito alla famiglia di Stefano Cucchi aggiungendo: "Non coprirò nessuno, purtroppo chi è morto non torna indietro. Nel mio Paese chi sbaglia paga, chi è in divisa paga doppio. Non voglio però sentir parlare di carabinieri e poliziotti come sbirri, delinquenti o torturatori". "Chiunque venga arrestato deve essere processato rispettando la legge e non con altre maniere" ha concluso Salvini.

Conte: chi ha sbagliato deve pagare, ma non scaricare responsabilità sui carabinieri - Sugli ultimi risvolti della vicenda Cucchi è intervenuto anche il premier. "Chi ha sbagliato dovrà pagare, ma occorre accertare le responsabilità individuali, non possiamo scaricare le responsabilità sull'intero corpo dei carabinieri e delle forze dell'ordine che tutti i giorni si impegnano per tutelare le nostre vite, la nostra incolumità, la nostra sicurezza", ha detto Giuseppe Conte in visita a Bologna in occasione della campagna di sensibilizzazione alla cultura della prevenzione della Protezione civile.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali