FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Istat: solo il 32% delle scuole italiane è accessibile ai disabili per via delle barriere architettoniche

Tra le aree più virtuose la Valle dʼAosta (66% di scuole a norma) e la provincia di Bolzano (47%), tra le peggiori Campania e Molise (22%)

Istat: solo il 32% delle scuole italiane è accessibile ai disabili per via delle barriere architettoniche

Solo il 32% delle scuole italiane, meno di una su tre, è accessibile ai disabili per via delle barriere architettoniche. A fornire il dato è l'Istat, secondo cui la situazione è leggermente migliore al Nord (con il 40% di scuole accessibili) e peggiore al Sud (26%). Tra le aree più virtuose la Valle d'Aosta (66% di scuole a norma) e la provincia di Bolzano (47%), tra le peggiori Campania e Molise (22%).

Il problema dell'accessibilità, secondo i dati Istat, si accentua se si considera la presenza di barriere senso-percettive.

Scarsa diffusione di facilitatori senso-percettivi - In Italia solo il 18% delle scuole dichiara di possedere facilitatori senso-percettivi che servono a favorire, all'interno dell'edificio scolastico, l'orientamento e la riconoscibilità dei luoghi agli alunni con disabilità sensoriale. Anche in questo caso la quota di scuole dotate di ausili senso-percettivi diminuisce progressivamente passando dal 22% registrato nelle regioni del Nord al 13% rilevato nel Mezzogiorno.

Insufficiente il numero degli insegnanti di sostegno specializzati- Nel report "L'inclusione scolastica: accessibilità, qualità dell'offerta e caratteristiche degli alunni con sostegno", l'Istat precisa che il 36% degli insegnanti per il sostegno viene selezionato dalle liste curriculari ovvero dalle liste degli insegnanti destinati all'intero gruppo classe e non formati per il sostegno. Ciò accade poiché la graduatoria degli insegnanti specializzati per il sostegno non è sufficiente a soddisfare la domanda.

Buon rapporto porto alunno-insegnante di sostegno - Nell'anno scolastico 2017/2018, gli insegnanti per il sostegno nelle scuole italiane sono circa 156mila (dati Miur). A livello nazionale il rapporto alunno-insegnante per il sostegno è migliore di quello previsto dalla Legge 244/2007 (due alunni ogni insegnante per il sostegno) con un valore pari ad 1,5. Risulta una maggiore dotazione nelle regioni del Mezzogiorno dove il rapporto scende a 1,3 mentre nel Centro sale a 1,4 e tocca il suo valore massimo nel Nord del Paese dove si attesta a 1,6.

Il 41% degli alunni ha cambiato insegnante di sostegno - La continuità del rapporto tra docente per il sostegno e alunno non risulta ancora garantita: il 41% degli alunni ha cambiato infatti insegnante rispetto all'anno precedente, mentre il 12% lo ha cambiato nel corso dell'anno scolastico. Risulta, inoltre, che una scuola su quattro risulta carente di postazioni informatiche adattate alle esigenze degli alunni con sostegno. Contrariamente a quanto previsto per un percorso didattico inclusivo, la collocazione delle postazioni informatiche in classe risulta poco frequente (43% delle scuole). Per il 9% degli alunni con sostegno, gli ausili didattici utilizzati a scuola risultano poco o per nulla adeguati alle loro esigenze.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali