FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Istat, nel 2018 612 pedoni travolti e uccisi

Sono oltre 21mila i pedoni coinvolti in incidenti, 20.700 quelli feriti: il dato è in crescita

Una strage ogni anno. Sono oltre 21mila i pedoni investiti ogni anno. Centinaia uccisi mentre attraverso le strisce pedonali. Nel 2018 sono stati 612 i morti: di tutte le vittime della strada una su cinque era un pedone. In pratica undici ogni settimana. Un dato in crescita rispetto al 2017.
 

Vite spezzate, finite sull'asfalto, un lenzuolo bianco a coprire i corpi senza vita. Fra le ultime in ordine di tempo un sacerdote di 84 anni, falciato da un'auto pirata a Pisa mentre stava attraversando. Una strage. Ogni anno, sono oltre 21mila i pedoni investiti 

 

L'Istat ha rilevato che distrazione, mancato rispetto delle regole di precedenza e velocità sostenuta restano le prime tre cause di incidente. Insieme all'uso improprio di cellulari e al mancato rispetto della segnaletica. Cifre che collocano il nostro Paese nella lista nera degli Stati dove gli automobilisti sono più indisciplinati e irrispettosi delle regole. Roma detiene il triste primato dei pedoni falciati sulle strade, 57 le vittime nel 2018. Seguita da Milano con 24 e Torino con 12 . E quest'anno sembra andare ancora peggio. Nei primi mesi del 2019 le vittime sono già 24, fra buche, strisce pedonali sbiadite e parcheggi selvaggi che non permettono di vedere dove si attraversa. Per i pedoni è sempre piu' pericoloso.
 

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali