FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Gino Strada, l'ultimo articolo prima della scomparsa: "Così ho visto morire Kabul"

Il contributo sulla guerra in Afghanistan firmato del fondatore di Emergency era stato pubblicato da La Stampa proprio questa mattina

gino strada
Ansa

"Così ho visto morire Kabul": è questo il titolo dell'ultimo articolo redatto da Gino Strada e pubblicato da La Stampa proprio nel giorno della scomparsa del fondatore di Emergency. Il contributo del medico milanese verte sulla guerra che in Afghanistan vede contrapporsi i talebani ai Paesi occidentali. "Questa guerra è stata - né più né meno - una guerra di aggressione iniziata all'indomani dell’attacco dell'11 settembre", si legge nel testo.

La rapida avanzata dei talebani, sottolinea Strada, "non dovrebbe sorprendere nessuno che abbia una discreta conoscenza dell'Afghanistan o almeno buona memoria. Mi sembra che manchino - meglio: che siano sempre mancate - entrambe".

 

Addio a Gino Strada, il medico eroe che ha salvato migliaia di vite nel mondo

 

"Totale illegalità internazionale" dell'operazione Usa - Il fondatore di Emergency ribadisce la "totale illegalità internazionale" dell'operazione statunitense in terra afghana, poiché è il Consiglio di Sicurezza Onu l'unico organismo internazionale "che ha il diritto di ricorrere all'uso della forza". La decisione "di attaccare militarmente e di occupare l’Afghanistan era stata presa nell’autunno del 2000 già dall’Amministrazione Clinton, come si leggeva all’epoca sui giornali pakistani e come suggerisce la tempistica dell’intervento".

 

Da "guerra al terrorismo" a "guerra contro i talebani" - Per Gino Strada, all'indomani dell'11 settembre l'Afghanistan veniva attaccato "ufficialmente perché forniva ospitalità e supporto alla 'guerra santa' anti-Usa di Osama bin Laden. Così la 'guerra al terrorismo' diventò di fatto la guerra per l'eliminazione del regime talebano al potere dal settembre 1996, dopo che per almeno due anni gli Stati Uniti avevano 'trattato' per trovare un accordo con i talebani stessi".

 

L'Italia e la tragedia umana della guerra - Nel suo excursus, il medico milanese non manca di sottolineare anche il coinvolgimento dell'Italia, che il 7 novembre 2001 approva una risoluzione a favore della guerra. "Chi allora si opponeva alla partecipazione dell’Italia alla missione militare, contraria alla Costituzione oltre che a qualunque logica, veniva accusato pubblicamente di essere un traditore dell'Occidente, un amico dei terroristi, un'anima bella nel migliore dei casi". I costi umani apparvero subito terrificanti: l'intervento della coalizione internazionale che ne conseguì "si tradusse, nei primi tre mesi del 2001, solo a Kabul e dintorni, in un numero vittime civili superiore agli attentati di New York".

 

Un "Paese distrutto" - Gino Strada ricorda poi di aver vissuto in Afghanistan complessivamente sette anni e di aver fatto esperienza diretta della tragedia della guerra: oltre alle 241mila vittime e ai 5 milioni di sfollati, tra interni e richiedenti asilo, "l'Afghanistan oggi è un Paese che sta per precipitare di nuovo in una guerra civile, i talebani sono più forti di prima, le truppe internazionali sono state sconfitte e la loro presenza e autorevolezza nell’area è ancora più debole che nel 2001. E soprattutto è un Paese distrutto, da cui chi può cerca di scappare anche se sa che dovrà patire l’inferno per arrivare in Europa".

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali