FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Bologna, chiede i permessi per lo zio disabile ma va alle Cayman: denunciata e licenziata

La truffa è stata scoperta quando lʼuomo è morto e lei, un dirigente medico di Porretta Terme, fuori servizio per i congedi straordinari, non era ad assisterlo ma sulle spiagge caraibiche

Aveva chiesto e ottenuto permessi e congedi straordinari retribuiti per poter assistere lo zio disabile. Ma quando l'uomo, gravemente malato, è morto, si è scoperto che lei, un dirigente medico dell'ospedale di Porretta Terme (Bologna), era alle Cayman con il marito. La donna è stata denunciata dalla guardia di finanza per truffa ai danni dello Stato. Con la denuncia è arrivato anche il licenziamento.

I permessi le erano stati concessi tra il 2016 e il 2018, in coincidenza con ricoveri del parente all'ospedale Maggiore di Bologna. Ma le verifiche in un'agenzia di viaggi e alcune testimonianze hanno consentito di accertare che nel 2018, tra marzo e giugno, la donna aveva utilizzato venti giorni di congedo straordinario, nei quali avrebbe dovuto assistere lo zio malato, per andare in vacanza.

Proprio in quel periodo le condizioni dell'uomo si sono aggravate fino alla morte. Ed è per questo che è venuta alla luce la truffa messa in atto dalla donna, contro la quale è stato avviato un procedimento disciplinare.

Nei guai è finito anche il marito, che avrebbe tentato di salvare la moglie in extremis rilasciando un certificato medico falso. Le fiamme gialle lo hanno quindi accusato di truffa e falso ideologico. I risultati dell'indagine saranno segnalati alla Procura della Corte dei conti, che farà i conteggi per il danno erariale.

Licenziata dalla Ausl di BolognaIl dirigente medico dell'ospedale di Porretta Terme indagato per aver preso permessi per assistere uno zio disabile, mentre invece era in vacanza, è stato anche licenziato. Lo riferisce l'Ausl di Bologna, che nell'estate 2018, "ha avviato da subito un procedimento disciplinare nei confronti della dottoressa, sulla base delle gravi inadempienze rilevate, e nei confronti del marito, anch'egli medico".

Contemporaneamente è stata segnalata la vicenda alla Procura di Bologna, "collaborando strettamente, nel corso delle relative indagini, con la guardia di finanza". "Il procedimento disciplinare - si spiega - stante la gravità delle responsabilità accertate in capo alla dottoressa, si è concluso con un provvedimento di licenziamento senza preavviso, con decorrenza 3 dicembre 2018. Il secondo procedimento disciplinare avviato nei confronti del marito della stessa è esitato in un provvedimento amministrativo, anch'esso già eseguito".

L'Azienda Usl "segue con attenzione il prosieguo della vicenda giudiziaria riservandosi ulteriori azioni a propria tutela", è la conclusione.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali