FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Coronavirus, continuano le denunce: da chi si allena in palestra a chi "deve" fumarsi uno spinello

Sono numerosi i cittadini fermati nelle ultime ore: nel Comasco un volontario si è recato dalla fidanzata utilizzando unʼambulanza per eludere i controlli

Coronavirus, al parco della Caffarella a Roma controlli con i droni

A Roma al parco della Caffarella i carabinieri hanno utilizzato i droni per andare alla ricerca di cittadini che, noncuranti delle norme anti-coronavirus, escono di casa senza valide motivazioni. Il parco della Caffarella è una delle aree verdi più grandi della Capitale: ben 132 ettari di verde pubblico che si estende dall'Appia Antica alla via Latina.

Nonostante le numerose raccomandazioni di stare a casa per fermare il numero di contagi da coronavirus e l'inasprimento delle sanzioni, molti cittadini continuano a trasgredire le regole. Dai culturisti che si allenano in palestra a chi "deve" fumarsi uno spinello, passando per chi fa visita alla fidanzata usando un'ambulanza: sono molti i "furbetti" denunciati nelle ultime ore.

Con l'ambulanza in visita alla fidanzata Un volontario residente a Milano è stato denunciato, insieme alla compagna 33enne, perché si ha utilizzato un'ambulanza per andarla a trovare a Cucciago (Como). Le segnalazioni sono arrivate dai cittadini della zona che hanno avviato gli immediati accertamenti da parte dei carabinieri. 

 

I culturisti che si allenano in palestra Indifferenti alle limitazioni degli spostamenti e al divieto di assembramenti alcuni culturisti si sono ritrovati in palestra a Fano per praticare attività fisica. Dopo una segnalazione la polizia ha fatto irruzione nella struttura trovandovi sei persone, tra cui due donne e il titolare della palestra, intenti a fare pesi e vari esercizi. All'arrivo degli agenti c'e' stato il fuggi fuggi ma sono stati tutti rintracciati, identificati e denunciati. Il titolare, oltre alla denuncia, rischia di vedersi sospendere anche la licenza. 

 

"Dovevo fumare uno spinello"  "Dovevo fumare uno spinello" e "Volevamo stare un po' insieme"  sono alcune delle scuse fantasiose inventate dagli italiani trovati a violare le ordinanze governative sul contenimento del contagio da coronavirus. A Crevacuore, nel Biellese, tre giovani sono stati denunciati mentre fumavano uno spinello in auto e quindi segnalati alla Prefettura quali assuntori. 

 

Cani finti al guinzaglio A Cassina Rizzardi (Como), il sindaco-infermier Piergiorgio Bonino ha denunciato alcuni episodi di "furbetti" che, pur di uscire di casa, si inventano qualsiasi cosa: "Vedo cose mai viste: nell’era precovid19, i cani a passeggio trascinavano i loro padroni con l’esuberanza di animali rinchiusi, con il desiderio di correre, saltare e giocare. Ora molti camminano dietro i loro padroni obbligati a turno dai vari componenti della famiglia a passeggiate estenuanti. Si sono visti a passeggio, al guinzaglio, gatti e cani finti. Sono molto preoccupato, da cittadino, da sanitario e da sindaco". 

 

Coronavirus, a Torino esercito e carabinieri controllano le strade

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali