FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Coronavirus, non si fermano le denunce: dai giocatori di carte ai restauratori di case

Da Nord a Sud del Paese molti cittadini continuano a non osservare le norme e le indicazioni per limitare il contagio da covid-19

coronavirus carabinieri esercito controlli torino posti di blocco posto di blocco

Nonostante i decreti emanati da Palazzo Chigi e le numerose raccomandazioni di stare a casa per fermare il numero di contagi da coronavirus, alcuni cittadini continuano a trasgredire le regole. Il Viminale ha annunciato che nella giornata di martedì 24 marzo sono stati effettuati 228.057 controlli e oltre 8mila denunce: si va dai giocatori di carte nel Palermitano, ai restauratori di abitazioni in Liguria, ai pescatori in Sardegna.

I giocatori di carte nel Palermitano - I carabinieri del nucleo radiomobile di Palermo hanno sorpreso e denunciato otto palermitani, di età compresa tra i 40 e i 76 anni, che giocavano a carte e bevevano birra in un magazzino trasformato in bettola. I militari li hanno scoperti, nel quartiere Uditore e, dopo i controlli amministrativi, hanno sequestrato il locale.

 

In auto dopo una festa nel Foggiano - Due cittadini romeni sono stati invece sorpresi in nottata mentre a bordo della propria auto rincasavano dopo aver trascorso la serata a una festa che si è tenuta a Borgo Segezia, a pochi chilometri da Foggia. Nei 12 comuni foggiani che rientrano nel territorio del basso Tavoliere sono state acquisite mille autocertificazioni e denunciate per inosservanza dei provvedimenti 500 persone, delle quali 120 nella sola città di Cerignola.

 

I surfisti nel Ragusano Quattro persone di età compresa tra i 22 e i 49 anni sono stati sorpresi a fare surf a circa 200 metri dalla battigia nel litorale della Lanterna a Scoglitti, nel Ragusano. Ai militari che hanno chiesto se fossero informati del divieto di fare attività sportiva e di uscire da casa senza un valido motivo, hanno risposto che ne erano a conoscenza ma che le condizioni del mare erano talmente favorevoli che sarebbe stato un peccato non approfittarne.

 

I pescatori in Sardegna - Altre denunce in Sardegna, dopo c'è chi ha deciso di andare a pescare con le reti in compagni di amici e chi invece pensava di trascorre alcune ore pescando in spiaggia. Altri, invece, stavano semplicemente prendendo il sole sugli scogli. Sono tredici le persone denunciate dalla guardia di finanza. I controlli si sono concentrati sul litorale di Cagliari. In un caso è stata bloccata un'imbarcazione con tre persone a bordo che pescavano utilizzando anche delle reti fuori legge.

 

I restauratori di case in Liguria - Altre denunce a Nord del Paese. Due artigiani edili di Torino, giunti a Diano marina per ristrutturare un appartamento, sono stati denunciati dalla polizia locale. I militari hanno fermato un furgone con due persone a bordo. Alla richiesta di spiegazioni, i due hanno detto di essere venuti dal Piemonte per dei lavori urgenti in una abitazione, ma per i vigili questi interventi non erano così basilari da giustificare una trasferta in un periodo di emergenza sanitaria. Per questo motivo è scattata la segnalazione all'autorità giudiziaria.

 

Il pensionato che raccoglie asparagi nel bosco Nel comune di Calenzano (Firenze) un pensionato è stato denunciato dai carabinieri forestali per essere andato a cogliere asparagi nel bosco. Quando si è trovato di fronte i militari l'anziano ha tentato di giustificarsi mostrando loro un sacchetto bianco di plastica pieno di asparagi selvatici. L'uomo è stato denunciato per il reato di inosservanza dei provvedimenti dell'autorità e per lui è scattata anche una multa da 172 euro perché, per arrivare al bosco, ha percorso col suo fuoristrada un sentiero per il quale era vietato l'accesso.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali