FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Carabiniere ucciso a Roma, vicini e compagni sui due studenti americani: "Due ubriaconi piantagrane"

Il ritratto di Lee Elder Finnegan e Gabriel Christian Natale Hjorth arrestati per lʼuccisione del vice brigadiere Mario Cerciello Rega

Se alcuni vicini parlano di un "bravo ragazzo", altri contraddicono questa versione dandone una opposta: "Macché bravo ragazzo, un piantagrane. Sempre ubriaco. Non siamo sorpresi di quel che è successo", affermano. Lee Elder Finnegan, il 19enne che ha ucciso con 11 coltellate il vice brigadiere Mario Cerciello Rega, non ne esce incolume dalle testimonianze riportate dalle tv locali di San Francisco. Quadro psicologico inquietante anche per Gabriel Christian Natale Hjorth: "Aveva un carattere da delinquente", afferma un compagno del liceo, Tommy Flinn.

Se compagni, vicini e amici parlano dei due studenti americani bene, dalle famiglie proviene soltanto il massimo silenzio. I genitori sono barricati in casa da giorni chiedendo il rispetto della loro privacy. I due ragazzi statunitensi hanno frequentato la scuola cattolica nel villaggio dei milionari di Mill Valley. I compagni, però, spiegano che non si sono legati lì, ma al Santa Barbara City College. 

Per quanto riguarda il 18enne Gabriel Christian Natale Hjorth, quasi tutte le persone che lo conoscono parlano di problemi di droga che lui e il fratello Sebastian condividevano. Una compagna di classe racconta: "Quando Gabe 'è fatto' va fuori di testa. È pieno di rabbia". Aggiungendo che fra i coetanei "tutti sanno che spaccia. Ha avuto tanti di quei guai da queste parti! Ma pensa di cavarsela sempre". Nessuno dei compagni si aspettava che Finn e Gabe potessero spingersi a tanto: "Uccidere un poliziotto in un altro Paese: ma come si fa? Non mi sarei mai aspettato di conoscere qualcuno che potesse arrivare a fare una cosa così terribile".

Finnegan su Instagram si definiva "Signore del nulla"; e scriveva "La morte è garantita, la vita no". Un'altra compagna spiega: "Ce lo aspettavamo, che prima o poi potesse combinare qualcosa di grave. Era particolare fin da piccolo. Anche violento: gli sono sempre piaciuti gli eccessi. E infatti si era già ritrovato nei guai nel 2016: ha fatto a botte con un compagno per una ragazza. Una zuffa conclusa davvero molto male: il compagno è finito in ospedale in gravi condizioni". Mentre Finnegan è stato sospeso, ed essendo minorenne non è stato arrestato.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali