FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Salerno, non accetta relazione gay: padre accoltella la figlia e la compagna | "Mia madre ha provato a bloccarci mentre scappavamo"

Le due donne, di 39 e di 23 anni, hanno denunciato l'aggressione. Secondo il racconto della più giovane, il genitore urlava "voglio fare 30 anni di carcere" mentre colpiva la coppia

Ha accoltellato la figlia e la partner perché rifiutava la loro relazione.

L'aggressione omofoba è avvenuta il 6 agosto a Salerno, dove si trovavano per lavorare, ed è stata denunciata dalle due donne, di 39 e di 23 anni, ai carabinieri di Crotone, una volta rientrate a casa. "Mio padre ci ha aggredito mentre urlava 'Voglio fare 30 anni di carcere: volete morire insieme? E' arrivato il momento' e poi ci ha colpito - racconta la figlia dell'uomo -. Mia madre ha assistito all'aggressione e non ha fermato mio padre, anzi ha provato a bloccarci mentre scappavamo".

Salerno, padre ferisce la figlia e la compagna di lei


 


 



 


La vicenda è stata resa nota dal consigliere regionale campano di Europa Verde Francesco Borrelli, che parla di

"storia folle e agghiacciante".


 


"Mio padre nega, ma abbiamo le prove" - 

Tutto ha avuto inizio quando le due ragazze, Francesca e Immacolata, la prima 39enne di Crotone e la seconda 23enne della provincia di Napoli, sono arrivate a Salerno per lavorare; nel capoluogo campano sono state ospitate a casa di una parente di Immacolata, teatro dell'aggressione. "Entrambe abbiamo riportato qualche ferita, ma siamo riuscite a scappare. Fino alle 5 del mattino però mio padre ci ha inseguite e minacciate. Abbiamo chiamato il 112 e i carabinieri sono intervenuti accompagnandoci nel nostro domicilio di Salerno per fare le valigie e tornare poi a Crotone in sicurezza - racconta la 23enne -. Lui a oggi nega tutto, ma abbiamo le prove di quello che ha fatto".


 


Le due ragazze, appena tornate in Calabria, si sono recate al Pronto Soccorso dell'ospedale di Crotone per farsi medicare; sul corpo avevano numerose

escoriazioni e ferite lievi di arma da taglio

.


 


TI POTREBBE INTERESSARE

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali