FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Napoli, deposito incontrollato di rifiuti: indagato il padre di Luigi Di Maio

La polizia ha trovato rifiuti inerti, vecchi secchi e una carriola nellʼappezzamento di terreno attiguo alla vecchia masseria di famiglia

Napoli, deposito incontrollato di rifiuti: indagato il padre di Luigi Di Maio

Antonio Di Maio, padre del vicepremier e ministro del Lavoro, Luigi, è indagato dalla procura di Nola per deposito incontrollato di rifiuti. L'iscrizione, riporta il quotidiano Il Mattino, è avvenuta a seguito del ritrovamento da parte della polizia municipale nell'appezzamento di terreno attiguo alla vecchia masseria di famiglia nel Comune di Mariglianella (Napoli), di alcuni rifiuti inerti, di alcuni vecchi secchi e di una carriola.

A seguito dell'ispezione dei vigili, le aree sono state messe sotto sequestro: al loro interno erano stati accatastati "scarti edili, residui ferrosi e pezzi di igienici". Ora si attendono gli accertamenti da parte dell'Arpac (Agenzia regionale per l'Ambiente).

L'avvocato difensore di Antonio Di Maio, Saverio Campana, non ha rilasciato alcun commento ufficiale. "Preferisco non rilasciare dichiarazioni", ha affermato, lasciando comunque trapelare la "massima serenità" in relazione all'accusa. Alcuni media hanno tuttavia riportato dichiarazioni che Campana non conferma ("Ho detto a tutti i giornalisti che non avrei fatto alcun commento"): "Siamo in presenza di un'ipotesi astratta. Il sequestro è finalizzato solo a consentire all'Arpac di stabilire se quanto rinvenuto rientri o meno nella categoria di rifiuti. Se anche fosse, la semplice rimozione determinerebbe l'estinzione automatica del reato".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali