FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Fabbricati abusivi e una stalla che si trasforma in villa con piscina: lʼinchiesta de "Le Iene" su Di Maio

Il vicepresidente del Consiglio ancora al centro delle polemiche per i terreni di famiglia a Mariglianella

"Le Iene" continuano la loro inchiesta sui terreni di proprietà della famiglia Di Maio. Filippo Roma e Marco Occhipinti sono andati a Mariglianella per cercare di fare chiarezza su un'area intestata al papà del ministro del Lavoro, e sembra proprio che qualcosa non torni. Ciò che per Luigi DI Maio è una “stalla”, in realtà dalle foto satellitari è una piscina.

"Io ti trovo tutti i documenti per quest’area e le licenze edilizie e se non ci dovessero essere si procede con abbattimenti e sequestri" ha chiarito il vicepremier. Ma l’impresa edile di chi è? Dal 2006 in poi nelle carte delle società dei Di Maio, Antonio non appare da nessuna parte. La Ardima Costruzioni infatti, due mesi dopo la chiusura dell’azienda di Antonio, viene intestata a Paolina Esposita che nel 2014 confluisce nella Ardima SRL, al 50% tra Luigi Di Maio e sua sorella Rosalba. Secondo l’avvocato Raffaella Di Carlo potrebbe anche essere stato uno stratagemma per evitare i debiti dell’azienda precedente con Equitalia: si tratta di elusione fraudolenta?

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali