FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Caivano, don Patriciello in audizione al Senato: già tornati con i kalashnikov, è sfida allo Stato

"Ma con più agenti non venduto un grammo droga. Qualcosa di concreto si vede". Poi l'attacco alla politica: "Chi ha voluti questi quartieri meriterebbe la galera"

Don Maurizio Patriciello, in audizione al Senato sul decreto Caivano, ricorda la terribile realtà di quelle zone.

"Serve un esercito di maestre elementari. Un altro un esercito di assistenti sociali. Però la verità va detta: quando l'altra notte c'è stata l'ultima 'stesa' arrivano armati di kalashnikov, non di pistole o coltelli". "Questi folli sono arrivati subito dopo la visita della Meloni con i ministri - aggiunge il parroco anticamorra - ed è sembrata veramente una sfida allo Stato. In quei momenti alla gente non serve un maestro elementare ma le forze dell'ordine".

 

"Con più agenti non venduto un grammo di droga"

  "In questo mese a Parco Verde, definita una delle piazze di spaccio più grande d'Europa, non si è venduto un solo grammo di droga perché la polizia e i carabinieri stanno per la strada", sottolinea don Maurizio Patriciello. "Qualcosa di concreto si vede".

"Chi ha voluto questi quartieri meriterebbe la galera"

   Il parroco riflette poi sulla nascita di queste aree di degrado. "Mi chiedo come sia stato possibile da parte dello Stato permettere che questi quartieri come Parco Verde potessero esistere. Ci vuole poco per rendersi conto che questi quartieri non potevano che produrre questi frutti". "Chi li ha voluti meriterebbe la galera - ha aggiunto -. Ammassare in un solo posto tutte le famiglie povere dei quartieri più poveri e degradati di Napoli dopo il terremoto del 1980 e abbandonarli a se stessi è stata una tragedia immane di cui nessuno può lavarsi le mani adesso, né i vecchi politici né coloro che ne sono gli eredi". 

 

"Quartieri degradati ottimo serbatoio di voti"

  "Questi quartieri così poveri e così degradati sono un ottimo serbatoio di voti. Voti che poi si contano e pesano, e prima o poi ti presentano il conto", ammonisce don Maurizio Patriciello.

 


"Dramma della Terra dei fuochi, in ginocchio davanti al cassiere dei Casalesi"

  Il sacerdote ricorda poi un aneddoto relativo alla Terra dei fuochi, la zona con un'alta percentuale di casi di tumori tra gli abitanti per la presenza di sostanze tossiche. "Un giorno mi sono buttato in ginocchio pure davanti a Carmine Schiavone, il cassiere dei Casalesi, per il dramma della Terra dei fuochi, perché dovevo capire bene cosa succedeva. Non ce la facevo più a benedire bare bianche, di bambini morti di leucemia e di cancro. Un camorrista che non avrei voluto vedere mai in vita mia, ma mi sono detto se può aiutarmi farò anche questo".

 

"Il problema della Terra dei fuochi è un dramma che stava là da anni, poi è venuto a galla, ma se abbiamo una legge sugli reati ambientali lo dobbiamo alla nostra sofferenza, se fosse stato per il Parlamento italiano saremmo ancora senza una legge". Una legge che "Confindustria non voleva. Noi abbiamo fatto la nostra parte da persone civili e democratiche e adesso questa legge c'è".

 

 

 


Stupro Caivano, "qui servizi sociali inesistenti"

  "Sulle bambine stuprate c'è da dire che non abbiamo un 50enne pedofilo che ha commesso violenza in una notte di inverno. Abbiamo un sistema che è andato avanti per mesi, con due bambine molto piccole e sette minorenni che hanno scoperto il sesso in modo molto feroce e in un'età terribilmente immatura. Dietro c'erano famiglie 'distratte' - per usare un termine elegante - che avevano bisogno di essere aiutate, supportate e indirizzate da servizi sociali che a Caivano non esistono". E aggiunge: "Non ho mai visto un vigile urbano al Parco Verde".
 

 

TI POTREBBE INTERESSARE

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali