FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Bimba morta cadendo dal balcone a Torino, la madre accusa il compagno: "Ha afferrato Fatima prima di me e l'ha lanciata"

Azhar Mohssine sarebbe stato scarcerato martedì per decorrenza dei termini di custodia cautelare e c'era la possibilità che partisse per la Tunisia

Tgcom24

"Ha afferrato Fatima poco prima che potessi prenderla io, e l'ha gettata dal balcone".

È stato questo il passaggio più significativo del racconto reso agli investigatori da

Maria, la mamma della bimba

di 3 anni e mezzo morta lo scorso 13 gennaio dopo essere caduta dal quinto piano in un cortile di una palazzina di via Milano a

Torino

. Al 32enne compagno della donna,

Mohssine Azhar

(non è il padre naturale della bambina) è stato notificato un ordine di custodia cautelare per omicidio volontario. L'uomo era già in carcere, ma per omicidio colposo.


La donna, che abita al quarto piano della stessa palazzina, ha riferito che

Fatima era salita dal patrigno

per ringraziarlo per un gioco. L'uomo, però,

forse per l'effetto di bevande alcoliche o di sostanze stupefacenti

, era alterato e, a quanto pare, la allontanò bruscamente da sé facendola rotolare in terra. Un amico presente nell'appartamento raccolse la bambina e fece per consegnarla alla madre, che nel frattempo era a sua volta salita e aveva raggiunto il ballatoio. In quel momento Azhar l'avrebbe afferrata e gettata deliberatamente dal balcone. Subito dopo la caduta di Fatima la mamma, in stato di forte shock, non era riuscita a esporre i fatti in maniera coerente.


 


Torino, bimba di tre anni precipita dal balcone: aperta indagine


 


Azhar Mohssine sarebbe stato scarcerato martedì

- Doveva essere scarcerato il 12 aprile, martedì, per decorrenza dei termini di custodia cautelare e c'era la possibilità chi intendesse partire per la Tunisia. Ci sono anche queste considerazioni dietro la decisione della procura di Torino di chiedere un nuovo provvedimento restrittivo a carico diAzhar Mohssine, il 32enne sospettato di avere gettato la piccola Fatima, di 3 anni e mezzo, dal balcone di casa al quinto piano di una palazzina del centro storico. Il titolo di reato è cambiato: da omicidio colposo a omicidio volontario.


 


La perizia: non è stata una caduta verticale -

Ad aggravare la posizione di Mohssine Azhar è stata la perizia dei consulenti tecnici e della polizia scientifica, i quali hanno operato una mappatura in 3D dei luoghi servendosi di un laser scanner. Il punto di caduta della bimba nel cortile è a circa 2 metri e 60 rispetto al balcone: troppo lontano, secondo gli specialisti, per una caduta verticale. Una telecamera di sorveglianza ha ripreso il momento dell'impatto sull'asfalto: il filmato è breve (un paio di secondi) ma, sempre secondo gli esperti, permette di capire che la traiettoria è stata "a parabola". Non solo: se Fatima fosse stata davvero lanciata in aria, sia pure per gioco, avrebbe toccato il sottotetto, e il suo corpicino, precipitando, avrebbe seguito un altro percorso. Tanto più che sono state rilevate solo ferite derivanti dall'urto sull'asfalto.


 



Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali