FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Arezzo, bimbo cieco non può prendere lʼautobus: 84enne percorre ogni giorno 60 chilometri per portarlo a scuola

"Tutte le mattine, quando lo lascio a scuola, vedo Goran avvicinarsi agli altri bambini, tocca i loro visi e li riconosce uno per uno. È una cosa stupenda!", ha detto lʼuomo

Ogni mattina (cinque giorni a settimana) percorre 60 chilometri di curve e tornanti per portare a scuola e poi riportare a casa un bambino cieco di 6 anni, figlio di un suo vicino di casa. Una storia di solidarietà che arriva dalle montagne aretine e precisamente da Consuma, una frazione di Montemignaio (Arezzo). Il papà del piccolo, un taglialegna macedone, non può accompagnarlo perché ogni mattina deve recarsi nei boschi e non può prendere lo scuolabus - che dovrebbe portarlo fino a un altro comune, Pelago - poiché non è disponibile il necessario servizio di accompagnamento per i minori disabili. E pensare che il pullmino porta a scuola i suoi due fratelli, che però non possono farsene carico. Così il pensionato 84enne vicino di casa, rimasto commosso dalla storia del bimbo, si è offerto di accompagnarlo. "Tutte le mattine, quando lo lascio a scuola, vedo Goran avvicinarsi agli altri bambini, tocca i loro visi e li riconosce uno per uno. È una cosa stupenda!", ha detto l'uomo.

La mattina, alle 7.30, l'uomo esce di casa per andare a prendere il bimbo e per portarlo a Pelago. Nel pomeriggio, fa poi lo stesso tragitto al ritorno. La vicenda è stata raccontata da un ex assessore di Rignano sull’Arno (Firenze), Fabio Venneri. "È una storia di ordinaria generosità - ha spiegato Venneri al Corriere fiorentino - In un momento in cui i fascisti non fanno entrare una famiglia in una casa popolare, in una frazione di cinquanta anime una persona si sacrifica per un bambino macedone non vedente. È una storia che abbiamo il dovere di raccontare".

L'uomo e il Comune di Pelagno hanno segnalato la vicenda all'amministrazione comunale di Montemignaio. Da parte della famiglia, infatti, non era arrivata alcuna richiesta d'aiuto. Sono stati dunque attivati i servizi sociali. "Ci stiamo muovendo, prenderemo in carico il caso di questo bambino", ha detto l'assessore di Montemignaio Massimiliano Mugnaini al Corriere fiorentino.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali