FOTO24VIDEO24ComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeopleTGCOM24
La Diretta

Papa apre il Giubileo della Misericordia "Basta con la paura", 70mila al rito

Bergoglio ha spalancato la Porta Santa della basilica di San Pietro dando via al Giubileo straordinario. Abbraccio tra Bergoglio e Ratzinger

Papa apre il Giubileo della Misericordia "Basta con la paura", 70mila al rito

Allarga le braccia, spinge le ante che fanno un po' di resistenza e, quando si aprono, papa Francesco quasi irrompe dentro la basilica di San Pietro. Sorride titubante, e dalla piazza sale un applauso. Sono le 11.10 della festa dell'Immacolata quando Bergoglio, che indossa un mantello bianco ricamato sul davanti, apre la Porta Santa dando il via ufficiale al Giubileo della Misericordia da lui voluto. Subito prima, nell'atrio, ha salutato il Papa emerito Benedetto XVI, si sono abbracciati e hanno scambiato qualche parola.

Papa apre il Giubileo della Misericordia "Basta con la paura", 70mila al rito

Al via il Giubileo della misericordia - L'abbraccio tra Ratzinger, ultimo dei Papi che ha fatto il Concilio, e Bergoglio, il primo della generazione successiva, suggella la messa solenne con cui papa Francesco ha dato inizio al Giubileo della misericordia, affermando di compiere "questo gesto, come ho fatto a Bangui, tanto semplice quanto fortemente simbolico, alla luce della Parola di Dio".

Rito multilingue per esprimere l'universalità della Chiesa -Il rito che inizia con la scenografica processione dei circa 200 celebranti, è multilingue, sia nelle letture proclamate in spagnolo, italiano e inglese, sia nelle preghiere dei fedeli, che sono in cinese, arabo, francese, swahili e malayalam. Esprime l'universalità della Chiesa nel giorno in cui, sottolinea papa Bergoglio, "varcando la porta santa, qui a Roma e in tutte le diocesi del mondo, - ha aggiunto a braccio - vogliamo anche ricordare" la porta aperta dal Concilio 50 anni fa, quando i padri la "spalancarono verso il mondo".

"Anteporre la misericordia al giudizio" - L'Anno Santo in tutte le diocesi e anticipato in Africa, dalla periferia del mondo, è dedicato alla misericordia. Così nell'omelia, che pronuncia con molta concentrazione e alcuni minimi inserti a braccio, il Papa latinoamericano intreccia subito la misericordia al messaggio del Concilio ecumenico Vaticano II, che si è concluso esattamente 50 anni fa. "Dobbiamo anteporre - esorta - la misericordia al giudizio, e in ogni caso il giudizio di Dio sarà sempre nella luce della sua misericordia". Poi l'invito ad "abbandonare ogni paura e a vivere la gioia".

"Spinta missionaria della Chiesa" - "La Chiesa è chiamata a raggiungere la gente per portare la gioia del Vangelo e portare la misericordia e il perdono di Dio. Una spinta missionaria, dunque, che dopo questi decenni riprendiamo con la stessa forza e lo stesso entusiasmo". Il messaggio della misericordia, nel quale si declina la onnipotenza di Dio, viene spiegato da papa Francesco anche in relazione alla figura della Madonna, "testimone privilegiata della promessa di Dio e del suo compimento", nella quale Dio non solo ha perdonato il peccato, ma è giunto "fino a prevenire la colpa originaria, che ogni uomo porta con sé entrando in questo mondo".

"Sotto il manto di Maria c'è posto per tutti" - E' l'Immacolata concezione della Madonna, che Bergoglio ricorda anche nei due appuntamenti pomeridiani, a piazza di Spagna e a Santa Maria Maggiore, omaggi a Maria cari alla tradizione romana. E a piazza di Spagna sottolinea che "sotto il manto di Maria c'è posto per tutti", tra cui anziani, disoccupati, migranti.

Settantamila fedeli presenti al rito - Alla messa in San Pietro ha partecipato una delegazione italiana guidata dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, accompagnato dalla figlia Laura e dal premier Matteo Renzi. Il Capo dello Stato ha varcato la Porta Santa, come hanno potuto fare le persone che hanno partecipato alla messa. Settantamila persone in totale, tra piazza e via della Conciliazione, alla messa e poi all'Angelus sono la stima degli organizzatori per l'apertura dell'Anno santo, una cifra di tutto rispetto, se si considera e l'allarme terrorismo, e il fatto che anche prima di Parigi molti puntavano a celebrare il Giubileo in diocesi.

Sicurezza massima fino al 20 novembre 2016 - Chiuso lo spazio aereo della città, sigillati i tombini, creati corridoi per i fedeli preceduti dal controllo ai metal detector, militarizzata l'aerea circostante la basilica, è stata la prova generale per la sicurezza da qui al 20 novembre 2016, quando si concluderà l'Anno Santo. E ha anche mostrato l'interesse delle altre fedi e confessioni cristiane, che hanno inviato loro rappresentanti. Le Comunità del Mondo arabo in Italia hanno lanciato, e diffuso anche in Vaticano durante la messa, #TuttiUnitiperilGiubielo, hastag con gli "auguri a Papa Francesco e ai cristiani", la "condanna con fermezza terrorismo e violenza" e l'invito "tutti i musulmani, cristiani, ebrei e tutte le religioni a unirsi contro il terrorismo e gli assassini delle religioni". Un segnale di buon auspicio per il Giubileo, che nella prima giornata si chiude con un spettacolare gioco di luci proiettato sulla basilica.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali