FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Violenza sulle donne, Istat: per il 23,9% della popolazione la causa è l'abbigliamento

Per oltre il 13% sarebbero normali gli schiaffi in una coppia. Il 15,1% ritiene in parte responsabile una donna violentata se ubriaca o sotto lʼeffetto di droghe. Per il 6,2% le donne serie non vengono stuprate

stupro violenza minori cellulare porno molestie abusi telefonino sesso

E' ancora vivo il pregiudizio per cui la responsabilità della violenza sessuale sia della donna, secondo i dati del Report dell'Istat sui ruoli di genere. Per il 39,3% della popolazione una donna può sottrarsi a un rapporto sessuale se davvero non lo vuole e per il 23,9% le donne possono provocare la violenza con il loro abbigliamento. Inoltre, il 15,1% ritiene in parte responsabile una donna violentata se ubriaca o sotto l'effetto di droghe. 

Per oltre il 13% sono normali gli schiaffi nella coppia - Il 7,4% delle popolazione ritiene accettabile sempre o in alcune circostanze che "un ragazzo schiaffeggi la sua fidanzata perché ha civettato/flirtato con un altro uomo", mentre per il 6,2% che in una coppia ci scappi uno schiaffo ogni tanto.

 

Il controllo di cellulare e social - Rispetto al controllo, invece, sono piu' del doppio le persone (17,7%) che ritengono accettabile sempre o in alcune circostanze che un uomo controlli abitualmente il cellulare e/o l'attività sui social network della propria moglie/compagna.

 

Per il 6,2% le donne serie non vengono stuprate Per il 10,3% della popolazione spesso le accuse di violenza sessuale sono false (più uomini, 12,7%, che donne, 7,9%); per il 7,2% "di fronte a una proposta sessuale le donne spesso dicono no ma in realtà intendono sì", per il 6,2% le donne serie non vengono violentate. Solo l'1,9% ritiene
che non si tratta di violenza se un uomo obbliga la propria moglie/compagna ad avere un rapporto sessuale contro la sua volontà. 

 

Donne considerate come "oggetti di proprietà" Alla domanda sul perché alcuni uomini sono violenti con le proprie compagne/mogli, il 77,7% degli intervistati risponde perché le donne sono considerate "oggetti di proprietà" (84,9% donne e 70,4% uomini), il 75,5% perché "fanno abuso di sostanze stupefacenti o di alcol" e un altro 75% per il "bisogno degli uomini di sentirsi superiori alla propria compagna/moglie". La difficoltà di alcuni uomini a gestire la rabbia è indicata dal 70,6%, con una differenza di circa 8 punti percentuali a favore delle donne rispetto agli uomini.

 

Stereotipi più frequenti al Sud - Sardegna (15,2%) e Valle d'Aosta (17,4%) presentano i livelli più bassi di tolleranza verso la violenza; Abruzzo (38,1%) e Campania (35%) i più alti. Ma nelle regioni le opinioni di uomini e donne sono diverse. Gli stereotipi sui ruoli di genere più comuni sono: "per l'uomo, più che per la donna, è molto importante avere successo nel lavoro" (32,5%), "gli uomini sono meno adatti a occuparsi delle faccende domestiche" (31,5%), "è l'uomo a dover provvedere alle necessità economiche della famiglia" (27,9%). Gli stereotipi sono più frequenti nel Mezzogiorno (67,8%), in particolare in Campania (71,6%) e in Sicilia, e meno diffusi al Nord-est (52,6%), con il minimo in Friuli Venezia Giulia (49,2%).  

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali