FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Viminale, sale l'allerta sul rischio di tensioni sociali

Il ministero dellʼInterno ha sottolineato la necessità di disinnescare sul nascere ogni situazione a rischio e di opporre massima fermezza nei confronti dei violenti.

Napoli, in centinaia protestano in piazza Plebiscito: polizia sorveglia

"Reddito di salute per tutti la crisi la paghino i ricchi". Questo uno degli striscioni esposti in Pazza Plebiscito a Napoli dove si stanno radunando centinaia di persone per protestare contro i nuovi provvedimenti anticovid da parte del governo e della Regione Campania. Intorno alla piazza decine di camionette delle forze dell'ordine e agenti in tenuta antisommossa. 

Al Viminale sale l'allerta per le tensioni sociali che potrebbero esplodere nel Paese dopo il nuovo Dpcm anti-Covid. Le manifestazioni dei giorni scorsi, viene sottolineato, sono "un campanello d'allarme". A queste si vanno ad aggiungere le proteste di piazza di lunedì sera di Napoli, Torino e Milano. Il ministero dell'Interno ha sottolineato la necessità di disinnescare sul nascere ogni situazione a rischio e di opporre massima fermezza nei confronti dei violenti.

LEGGI ANCHE >> Proteste anti-Dpcm in diverse città, scontri a Milano | Alta tensione a Napoli e Torino

 

"In piazza provocatori e non categorie colpite" - Per il ministero dell'Interno, le proteste a Nord e a Sud sono state "situazioni ben connotate". Chi si è reso protagonista degli scontri con le forze di polizia, in sostanza, "non aveva nulla a che vedere con le categorie che in qualche modo sono state più colpite dalla crisi di questi mesi, ma con ambienti che avevano il preciso scopo di provocare disordini: ultras, estremisti di destra, centri sociali, soggetti che vivono di espedienti e piccoli reati utilizzati come manovalanza dalla criminalità organizzata".

 

Pericolo di strumentalizzazione delle proteste - Ma la situazione ora potrebbe cambiare. La rabbia e la frustrazione che montano nel Paese e che oggi coinvolgono diverse categorie sociali e produttive potrebbero infatti diventare occasione perfette per chi ha interesse ad alimentare le tensioni. E, vista in quest'ottica, gli apparati di sicurezza non escludono che le manifestazioni annunciante per i prossimi giorni da chi è stato più colpito dai provvedimenti possano essere strumentalizzate e diventare l'occasione per provocatori e infiltrati di mettersi in mostra. Ecco perché, riferiscono ancora fonti qualificate degli apparati di sicurezza, "la questione dell'ordine pubblico è diventata molto sensibile e vanno disinnescate le situazioni più a rischio".

 

Milano, tassisti bloccano auto a stazione Centrale: momenti di tensione

Manifestazione dei tassisti anche a Milano con gli autisti che hanno improvvisato un blocco della circolazione davanti alla Stazione Centrale. Qualche automobilista ha provato a forzare il posto di blocco ed è salita la tensione coi manifestanti. La polizia, in assetto anti sommossa, presente sul posto ha evitato che la situazione degenerasse.

 

"Non saranno tollerati eccessi" - Già in questi giorni sono state messe in campo una serie di azioni preventive e in ogni caso, viene ribadito, "non saranno tollerati eccessi". Ministero e Dipartimento della Pubblica sicurezza, inoltre, sono in costante contatto con prefetti e rappresentanti locali delle forze di polizia proprio per rimodulare la strategia e mettere in campo ogni intervento per intercettare le possibili situazioni più a rischio prima che esplodano o si trasformino in veicolo per i più violenti. Sempre nell'ottica, viene ripetuto, della "massima fermezza".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali