FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Coronavirus, nuovi scontri a Napoli: bombe carta contro la polizia

Incidenti in piazza dei Martiri davanti alla sede di Confindustria. A manifestare i centri sociali e sigle di estrema sinistra. Gli agenti hanno risposto con una carica. De Magistris contro De Luca: "Presidente tiranno, serve dialogo"

E' ancora tensione a Napoli, dopo le scene di guerriglia urbana di venerdì sera, nell'ambito delle proteste contro le misure di contrasto al Covid. Incidenti sono scoppiati in piazza dei Martiri, dove i manifestanti dei centri sociali dei Cobas, dei Carc e di altre sigle di estrema sinistra hanno fatto esplodere tre bombe carte e lanciato bottiglie contro la polizia. Gli agenti hanno risposto con una carica, disperdendo i manifestanti. Intanto, De Magistris attacca De Luca: "Presidente tiranno, serve dialogo".

Gli incidenti sono scoppiati al termine della manifestazione indetta dai centri sociali, con l'adesione di altre sigle, davanti alla sede di Confindustria Napoli, in piazza dei Martiri.

 

Durante la manifestazione sono state lanciate uova con vernice rossa sul portone del palazzo. Poi, davanti all' ingresso, è stato collocato uno striscione con la scritta "Quattro morti sul lavoro al giorno, questa e violenza". In piazza è sopraggiunto un gruppetto di "Antifa" tedeschi con una bandiera e poi un gruppo di aderenti ai Carc (Comitati di appoggio alla resistenza comunista) poco prima degli incidenti, con l'esplosione di tre bombe carta ed il lancio di bottiglie contro la polizia.

 

Gli agenti del reparto celere, schierati davanti all' ingresso di Palazzo Partanna, sede di Confindustria Napoli hanno risposto con una carica, disperdendo i manifestanti, poco più di un centinaio. Sul lockdown, i manifestanti hanno detto di non essere contrari ma a patto che "per disoccupati e lavoratori ci sia il salario pieno garantito". Altri incidenti sono poi scoppiati in piazza Amedeo, dove un gruppetto di manifestanti si è diretto per raggiungere la sede della Regione, a Santa Lucia. Qui sono entrati in azione anche i carabinieri per bloccarli.

 

 

 

De Magistris contro De Luca: "Presidente tiranno, serve dialogo" - "C'è bisogno di una grande coesione istituzionale a tutti i livelli, una migliore filiera tra governo nazionale, Regioni e città". A rinnovare l'appello è il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, rivolgendosi soprattutto a Vincenzo De Luca, a cui dà del "presidente tiranno". "Io provo, ma lui non risponde. Ci vuole dialogo, non un monologo. L'ho detto e ho chiesto di partecipare all'Unità di crisi", ha aggiunto il primo cittadino partenopeo.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali