FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Guerriglia a Napoli, condannati per direttissima i due arrestati per gli scontri | De Luca: "Spettacolo indegno"

Il governatore: "Avanti con la linea del rigore. Chiediamo a Roma un piano di sostegno socio-economico e la garanzia della legalità"

La Digos ha effettuato due arresti per gli scontri tra forze dell'ordine e manifestanti verificatisi nella tarda serata di venerdì a Napoli durante le proteste per le misure Covid. I due 32enni, con precedenti reati connessi allo spaccio di stupefacenti e residenti nel quartiere Vasto, sono stati processati per direttissima e condannati. Duro il commento del governatore De Luca: "Spettacolo indegno. Si va avanti con il rigore". 

Gli arresti e le condanne I due 32enni, già noti alle forze dell'ordine, sono stati arrestati con l'accusa di violenze, danneggiamenti e resistenza durante gli scontri di venerdì sera a Napoli. Per uno dei due la condanna è stata a un anno e 8 mesi mentre il secondo è stato condannato un anno e due mesi con pena sospesa.

 

De Luca: "Sporcata l'immagine della città" - "A Napoli - scrive il presidente della Regione - si è assistito a uno spettacolo indegno di violenza e di guerriglia urbana organizzta, che nulla a da spartire con le categorie sociali. Si applicavano le stesse ordinanze a Milano, Roma e Napoli. E mentre a Milano e Roma le città erano deserte nel rispetto delle norme, a Napoli c'erano violenze e vandalismo. Alcune centinaia di delinquenti hanno sporcato l'immagine della città". 

 

"Avanti con il rigore" - Il governatore precisa che "continueremo a seguire la nostra linea di rigore, senza cambiare una virgola, come è nostro dovere fare. A Roma chiediamo di impegnarsi: a garantire legalità e rispetto delle leggi, a mettere a punto immediatamente un piano di sostegno socio-economico per le categorie produttive e per le famiglie. Questo sostegno costituisce una priorità assoluta, al pari delle misure sanitarie. Da oggi non accetteremo ritardi e interlocuzioni se non si affronta da subito il tema sociale. Sollecitiamo un incontro ad horas con il governo su questi punti". 

 

Lamorgese: "Violenze inaccettabili e preordinate" - Arriva la condanna anche dal ministro dell'Interno Luciana Lamorgese, che avverte: "La guerriglia e le aggressioni alle forze di polizia a Napoli nulla hanno a che fare con le forme di dissenso civile e con le legittime preoccupazioni degli imprenditori e dei lavoratori legate alla difficile situazione economica".

 

Anche il vice ministro dell'interno con delega alla Pubblica Sicurezza, Matteo Mauri, ha sottolineato che gli scontri sono un fatto "gravissimo" e ha definito la guerriglie urbana e l'aggressione alle forze dell'ordine "atti criminali" che quindi "così verranno trattati". Per Mauri "è del tutto chiaro che non si è trattato di una protesta spontanea ma di azioni preordinate, organizzate nella quasi totalità da frange di tifosi violenti, da ambienti criminali, anche legati a settori dell'estremismo politico".

 

"Si tratta - sottolinea il vice ministro - di delinquenti che risponderanno per quello che hanno fatto, a maggior ragione perché provano a speculare sulla situazione difficile che si sta vivendo, sia dal punto di vista sanitario sia per le conseguenze sulla vita dei singoli cittadini. La risposta dello Stato sarà adeguata e proporzionata alla gravità dei fatti avvenuti. I responsabili di questi atti vergognosi saranno individuati con rapidità".

 

A riprova dell'ipotesi di un'azione preordinata, la Digos sottolinea che durante le fasi degli scontri decine di scooter sono stati usati dai manifestanti per ostacolare e ritardare l'intervento delle forze dell'ordine.

 

Napoli, proteste contro le restrizioni di De Luca

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali