FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Verona, Congresso Mondiale delle Famiglie: ecco i temi e i relatori

Dal 29 al 31 marzo si terranno conferenze e approfondimenti con lʼobiettivo di "difendere la famiglia naturale come sola unità stabile e fondamentale della società"

Verona, Congresso Mondiale delle Famiglie: ecco i temi e i relatori

La tredicesima edizione del Congresso Mondiale della Famiglie 2019, intitolato "Il Vento del Cambiamento: L’Europa e il Movimento Globale Pro-Family", si tiene a Verona dal 29 al 31 marzo. Tra i relatori sul palco di quello che oramai è più comunemente conosciuto come "Family Day" ci saranno il Ministro dell'Interno e vice premier Matteo Salvini, il ministro per la Famiglia e la Disabilità Lorenzo Fontana, il ministro dell’Istruzione Marco Bussetti, Giorgia Meloni, leader di Fratelli d'Italia, il senatore della Lega Simone Pillon, il presidente della Regione Veneto Luca Zaia e il sindaco di Verona Federico Sboarina, il vescovo di Verona Giuseppe Zenti. Ma saranno presenti anche tanti ospiti internazionali.

I temi - Il Congresso Mondiale delle Famiglie (World Congress of Families, WCF) è un evento pubblico internazionale che ha "l’obiettivo di unire e far collaborare leader, organizzazioni e famiglie per affermare, celebrare e difendere la famiglia naturale come sola unità stabile e fondamentale della società", si legge in un comunicato stampa. "Le tematiche che saranno affrontate durante il congresso saranno: la bellezza del matrimonio, i diritti dei bambini, ecologia umana integrale, la donna nella storia, crescita e crisi demografica, salute e dignità della donna, tutela giuridica della Vita e della Famiglia, politiche aziendali per la famiglia e la natalità".

Dove e quando - 
La manifestazione si terrà a Verona dal 29 al 31 marzo e si svilupperà attraverso sessioni plenarie e seminari di approfondimento con la partecipazione di 150 relatori povenienti da tutto il mondo. Le conferenze si terranno presso il Palazzo della Gran Guardia, in piazza Bra, dalle 8 alle 19 di venerdì 29 e sabato 30 marzo. Domenica 31, invece, la giornata si aprirà con una messe alle ore 7.15 e si concluderà con una marcia per la famiglia nelle strade della città.

La storia - L'idea di dare vita ad un Congresso Mondiale delle Famiglie fu di Allan Carlson, americano, ex funzionario dell'amministrazione Regan, già presidente del "Centro Howard per la famiglia, la religione e la società". Assieme ai sociologi russi Anatoly Antonov e Viktor Medkov, Carlson teorizzò che la crisi demografica occidentale era correlata alla rivoluzione sessuale e femminista e con lo scopo d'invertire il "trend negativo" diede vita, nel 1997 a Praga, al Congresso Mondiale delle Famiglie sulla base dell'articolo 16 comma 3 della Dichiarazione universale dei diritti umani che afferma: "La famiglia è l'unità di gruppo naturale e fondamentale della società e ha diritto alla protezione da parte della società e dello stato". Secondo lo statuto del Congresso stesso lo scopo è quello di "difendere la posizione della famiglia tradizionale in un momento di erosione della vita familiare e del declino dell'apprezzamento per le famiglie in generale". Il Congresso difende fermamente la famiglia naturale fondata sull'unione di un uomo e una donna suggellata col matrimonio. Dopo Praga, vennero organizzati altri congressi internazionali a Città del Messico nel 2004, a Varsavia nel 2007, ad Amsterdam nel 2009 e a Madrid nel 2012. Da quell'anno in poi i congressi si svolgono con cadenza annuale.

I fondamenti - L'organizzazione si schiera contro qualsiasi diritto per le persone che fanno parte del mondo LGBT e dichiara la sua totale contrarietà a qualsiasi riconoscimento e tutela all'adozione da parte delle coppie omogenitoriali e alla riassegnazione di genere per le persone transgender, si dichiara contrario alla  "propaganda omosessuale". Il gruppo è anti-abortista e propone la criminalizzazione dell'aborto e della surrogazione di maternità, si oppone all'istituto del divorzio ritenendo che esso sia parte del "declino familiare".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali