FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Venezia, uccide di botte la moglie: arrestato un 35enne

Lʼomicidio è avvenuto intorno alle 7 nellʼabitazione della coppia. Lʼuomo si trovava agli arresti domiciliari dal 2014. La donna scrisse su Facebook: "La vita ci dà brutte cose"

Una donna di 37 anni, Maria Beccarello, è stata uccisa dal marito, il 35enne Natalino Boscolo Zemello, a Cavarzere, nel Veneziano. L'omicidio è avvenuto intorno alle 7 nell'abitazione della coppia. La donna è stata massacrata di botte. L'uomo, che si trovava agli arresti domiciliari dal 2014 per tentata estorsione, è stato arrestato dai carabinieri.

E' stato lo stesso uomo a chiamare i soccorsi, ma al loro arrivo la donna era già deceduta. Le autorità hanno riferito che, fino a oggi, l'omicida si era dimostrato "un detenuto modello". Secondo alcuni testimoni, la coppia era da tempo protagonista di dissidi e litigi.

La vittima su Facebook: "La vita ci dà brutte cose" - Un anno fa la donna aveva scritto nella sua pagina Facebook, rispondendo a un'amica: "La vita ci dà brutte cose, ma si tira avanti". Molte delle foto che la ritraggono sul social network sono scattate in compagnia di cani, a cui Maria era particolarmente affezionata. Pare che in passato non abbia mai espresso alle forze dell'ordine timori sulla sua incolumità personale in merito al rapporto con il marito.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali