FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Venezia, mamma va al cimitero e le rubano il cellulare del figlio morto di tumore a 18 anni: "Ridatemelo"

"Ce l'avevo sempre con me, perché era come avere una parte di lui", ha detto la donna

"Vi prego, restituitemi il cellulare di Gianluca.

Dentro c'è il suo ultimo video in cui salutava tutti. Ce l'avevo sempre con me, perché era come avere una parte di lui". È l'appello della madre di

Gianluca Boscolo Bielo

, un ragazzo di 18 anni morto nel gennaio 2021 a causa di un tumore. La donna, Susanna, e il marito, Maurizio, avevano appena piantato un ulivo in ricordo del loro figlio al cimitero di

Valli, frazione di Chioggia (Venezia)

, quando si sono accorti che qualcuno aveva rubato il cellulare del ragazzo dall'auto, che avevano lasciato aperta per qualche minuto.


Il parroco di Valli,

Massimo Fasolo

, ha pubblicato un video-appello dei genitori sul proprio profilo Facebook. "Quando era in ospedale, Gianluca ci mandava dei video, era l'unico modo per tenerci in contatto durante l'emergenza Covid. Prima di morire mi aveva detto: 'Tolgo dal telefono password e pin perché fra poco non ci sarò più'. Io ce l'avevo sempre con me, perché era come avere una parte di lui. Vi prego, restituitemelo, ci sono le sue immagini, le sue ultime parole", ha detto la donna.


TI POTREBBE INTERESSARE

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali